• Tempo di Lettura:1Minuto

Russia, ulteriore affronto contro la comunità Lgbtq, reduce già di un divieto di parlare dei temi legati all’omosessualità e in una disposizione che li riconosce come ”malati mentali” – un bel salto nel macabro passato per la comunità costretta a sottostare alla ferocia della Federazione Russa.

Tutti coloro che non si rappresentano nell’etero normatività,ovvero, che fanno parte del movimento LGBTQ, saranno considerati terroristi. Questa è la nuova disposizione di Vladimir Putin, che ha inserito nella lista dei “terroristi ed estremisti” delle persone innocenti. La notizia è arrivata dall’AFP che ha consultato un servizio che lotta contro il riciclaggio di denaro e al finanziamento del terrorismo. Nel documento ufficiale è presente il nome della comunità lgbtq – un vero passo indietro per l’umanità.