Nella Formula 1 come nell’endurance, per prepararsi ad una gara bisogna compiere un passo importante: modellare il sedile. Nicolas Lapierre, il pilota di maggior esperienza del nuovo trio del team di endurance Alpine Elf Matmut impegnato nella categoria Top del Campionato Mondiale di Endurance (FIA WEC), ha modellato il suo sedile nella sede di Signatech, a Bourges in Francia. Artefice dei recenti titoli mondiali vinti da Alpine, il pilota ci parla di questa fase determinante.

Modellare il sedile: un lusso? Assolutamente no! Anzi, è una fase indispensabile per prepararsi ad una gara, che si tratti di Formula 1 o di endurance. D’altronde, in quest’ultima disciplina, in cui le gare sono scandite dagli stint, cambiare pilota vuol dire cambiare anche sedile. Con le forti decelerazioni in frenata e con circa 4 g da incassare in curva, il sedile deve adattarsi al millimetro alle forme del pilota. Il sedile, che è l’unico elemento dell’auto ad essere realizzato completamente su misura, è pertanto un oggetto di grande importanza con cui i piloti hanno un rapporto particolarissimo.

Alpine prosegue la sua ascesa ai massimi vertici del motorsport affrontando, quest’anno, la sfida delle Hypercar. Gestita da Philippe Sinault, la scuderia Alpine Elf Matmut schiera l’Alpine A480 numero 36 nella categoria Top del Campionato Mondiale di Endurance (FIA WEC) e della 24 Ore di Le Mans. In pista, il bolide è affidato ai piloti Nicolas Lapierre, André Negrão e Matthieu Vaxiviere.  

Colonna portante del trio per anzianità e track record è Nicolas Lapierre che spiega l’importanza di quel componente fondamentale che è il sedile, proprio mentre viene modellato presso la sede di Signatech, a Bourges in Francia.

Il sedile è, innanzitutto, un elemento di comfort indispensabile. Durante le gare di endurance, con i tempi di guida che a volte superano le tre ore, le vibrazioni, le buche e i dossi, il caldo, il rumore e la stanchezza derivante dalle condizioni estreme, il sedile permette di “sentire” la monoposto con tutto il corpo: «È importante avere un sedile modellato. Innanzitutto, per sentirsi a proprio agio e poi per avere una buona sensazione di ciò che l’auto sta per fare.»

Il sedile modellato ottimizza l’efficacia della guida. Perfettamente adattato alla morfologia dei piloti, consente loro di dare il meglio di sé: «Il fatto stesso di stare comodi, di sentirsi ben saldi all’interno dell’auto, ci permette di compiere meno errori, essere concentrati, focalizzati esclusivamente sulla guida diventando un tutt’uno con il veicolo».

Infine, è un elemento di sicurezza fondamentale: «In termini di sicurezza è importante star comodi, ben protetti dalla cintura e non muoversi affatto nell’auto.»

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it