Lo stabilimento SEAT di Martorell sta diventando sempre più smart grazie a due nuovi robot mobili autonomi (o AMR, da Autonomous Mobile Robot) che si adattano alle esigenze dei collaboratori aiutandoli in attività come il trasporto di componenti.

SEAT utilizza gli EffiBOT, robot progettati specificamente per adattarsi ai processi di produzione e per gestire le risorse e la comunicazione tra le diverse aree dell’azienda in modo più efficiente.

robot mobili autonomi ci portano in prima linea nell’innovazione del settore automobilistico e sono un chiaro esempio del supporto che possono dare ai collaboratori per semplificare il loro lavoro. L’introduzione di questi robot segue i principi dell’Industria 4.0 e ci rende più efficienti, flessibili, agili e competitivi” ha commentato Herbert Steiner, Vicepresidente SEAT con responsabilità per la Produzione e la Logistica.

EffiBOT è stato sviluppato dalla società francese Effidence, con cui SEAT ha collaborato per personalizzarne il funzionamento in base ai processi dello stabilimento di Martorell.

Gli EffiBOT, robot intelligenti

Gli EffiBOT elaborano i dati in tempo reale e a 360°; in questo modo possono seguire la persona che li ha attivati tramite il display touch mentre si muovono attraverso l’impianto, anche in presenza di persone o oggetti sul proprio tragitto, senza necessità di dispositivi esterni.

Gli EffiBOT, inoltre, possono trasportare tutti i tipi di materiali necessari per l’assemblaggio dell’auto: fino a 250 kg al loro interno e fino a 500 kg in modalità traino. Così sgravano i tecnici dalla fatica di spostare pesi.

Robot collaborativi

Nella fase iniziale SEAT ha attivato due EffiBOT in via sperimentale ma nel prossimo futuro se ne potranno aggiungere altri. A differenza dei veicoli a guida automatica (AGV), che richiedono un binario per funzionare correttamente, questi robot mobili autonomi (AMR) riconoscono l’ambiente circostante e mappano il percorso verso una destinazione definita, evitando gli ostacoli lungo il tragitto.

Oltre che degli EffiBOT, lo stabilimento dispone attualmente di circa venti robot collaborativi nelle aree di assemblaggio, come i “cobot” che sono responsabili dell’applicazione del lettering sulla carrozzeria delle Ibiza e delle Arona.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it