Il Global Compact delle Nazioni Unite ha confermato la reintegrazione del Gruppo Volkswagen. Dopo uno stop di cinque anni, il Gruppo torna quindi a far parte della più ampia iniziativa di cittadinanza d’impresa al mondo. La motivazione principale che ha portato a questa decisione è la politica di integrità e compliance del Gruppo Volkswagen, completamente rivista, frutto del periodo di monitoraggio, concluso con successo, supervisionato dal Dipartimento di Giustizia statunitense.

Anche l’ambizioso programma del Gruppo per la protezione del clima è stato accolto favorevolmente. Entro il 2025, l’Azienda pianifica di tagliare le proprie emissioni di CO2 lungo l’intero ciclo di vita della propria gamma di vetture del 30% rispetto al 2015 e punta a diventare carbon neutral entro il 2050. Nel 2016 il Gruppo Volkswagen ha inoltre istituito un Consiglio di Sostenibilità indipendente.

Cinque anni dopo la questione Diesel, il Global Compact delle Nazioni Unite reintegra il Gruppo Volkswagen. Il fattore decisivo è stato la conclusione positiva del monitoraggio statunitense. Georg Kell, fondatore e primo Direttore Esecutivo del Global Compact delle Nazioni Unite e portavoce del Consiglio di Sostenibilità del Gruppo Volkswagen, ha affermato: “La riammissione dimostra che il Gruppo Volkswagen ha imparato dai propri sbagli”.

Seguici anche su www.persemprecalcio.it