• Tempo di Lettura:2Minuti

In Valle d’Aosta, un oscuro mistero si è dipanato con la scoperta del cadavere di una giovane donna in un’antica chiesetta diroccata. A La Salle, tra Aosta e Courmayeur, il corpo è stato rinvenuto venerdì 5 aprile da un passeggiatore nei boschi.

La vittima una giovane donna

La vittima, una ragazza dai tratti giovani e probabilmente straniera, giaceva riversa sul pavimento della cappella abbandonata del villaggio di Equilivaz. Indossava semplici abiti, una felpa beige e leggings, ma accanto al suo corpo giaceva una confezione di marshmallow.

Le prime analisi sul corpo della vittima

Le prime analisi hanno rivelato che la giovane donna presentava ferite profonde, tra cui una taglio al collo, e tagli sull’addome. Questi segni indicano una morte violenta, probabilmente causata da un delitto d’impeto scaturito da una lite che è degenerata in una brutale aggressione. La posizione raggomitolata del corpo conferma questa tragica ipotesi, suggerendo che la vittima abbia cercato di difendersi disperatamente prima di essere sopraffatta.

La pista degli investigatori

Gli investigatori si concentrano ora su una pista importante: la ricerca di un uomo. Testimoni hanno segnalato un uomo accompagnato da una ragazza che corrisponde alla descrizione della vittima, e si sospetta che possano essere allontanati dalla Valle d’Aosta a bordo di un furgone rosso/bordeaux. Questa nuova svolta nelle indagini solleva molte domande su chi sia l’uomo e quale ruolo abbia avuto nell’omicidio.

Le autorità stanno analizzando le registrazioni delle telecamere di videosorveglianza lungo la strada statale 26, nella speranza di ottenere indizi cruciali che possano condurre all’identificazione del colpevole. Inoltre, il ritrovamento di tracce di sangue e segni di trascinamento vicino alla chiesetta suggeriscono che l’aggressione abbia avuto luogo all’esterno dell’edificio, aggiungendo ulteriori dettagli alla già complessa scena del crimine.

Segui Per Sempre News anche sui social!