• Tempo di Lettura:2Minuti

Chiuse tutte le scuole di ogni ordine e grado a Trani a seguito dell’allarme bomba scattato intorno alle ore 6.00 di questa mattina presso la stazione ferroviaria della città.

A destare preoccupazione un borsone incustodito all’interno del quale è stato ritrovato un biglietto scritto a mano che annunciava la presenza di ordigni biologici: uno all’interno della ferrovia e due in plessi scolastici differenti di cui uno non specificato.

Immediati i controlli che hanno costretto il sindaco Amedeo Bottaro a disporre in un primo istante la chiusura di tutte le scuole di ogni ordine e grado al fine di tutelare i cittadini e procedere con i controlli di bonifica dei vari plessi scolatici.

Il primo cittadino, attraverso i suoi canali social, sta pubblicando gli aggiornamenti in merito alla vicenda sottolineando che al completamento delle bonifiche, accertata l’assenza di ordigni o altri pericoli, gli istituti scolastici riapriranno. Lo scopo di tale velocità delle procedure vuole fungere da messaggio “che le istituzioni non si assoggettano a minacce o bravate.”

La vicenda sta causando inevitabili ritardi nella circolazione ferroviaria in particolare nella tratta tra Pescara e Bari attualmente sospesa. In una nota Trenitalia spiega “ i treni Alta velocità, Intercity e regionali possono registrare ritardi e su tratte regionali potrebbero verificarsi limitazioni di percorso e cancellazioni”.