• Tempo di Lettura:5Minuti

Armi No Armi Si, Stati Uniti d’America, nello Stato dell’Indiana a guida Repubblicana, dal primo Luglio è possibile circolare armati senza alcun permesso. Come già precedentemente in Texas.

Nel centro commerciale della città di Greenwood si è recato una persona con l’intento di fare una strage causando tre morti e due feriti. L’assassino intento a colpire i civili inermi è stato fermato da un giovane non appartenente a corpi di polizia e armato di pistola.

Il caso rimette in gioco la questione negli U.S.A. sulla necessità di ridurre le armi in circolazione.

SKY TG24

Armi No Armi Si

Armi No Armi Si, in un centro commerciale statunitense a Greenwood in Indiana un giovane di 22 anni è in circolazione armato di pistola. Una figura inquietante ovunque ma non il quel posto, in quel giorno, in quell’ora e in quella situazione.

Con la sua arma si imbatte in una persona che fa fuoco con un fucile d’assalto sui presenti. Estrae la sua arma è uccide il killer che sta sparando sulle persone presenti e secondo il New York Times ha già causato tre morti e due feriti. Il ventiduenne è riuscito a fermare l’uccisore causandone la morte. Tutto ciò è avvenuto in un sobborgo di Indianapolis.

Nello Stato del Texas era stata già varata una legge favorevole all’acquisto ed al porto di armi senza autorizzazioni. Anche nello Stato dell’Indiana con una simile legge firmata dal Governatore Repubblicano è stato permesso dal primo Luglio di girare armati.

Good Samaritan

Il ragazzo già viene identificato come una specie di “’Good Samaritan” che ha impedito ulteriori morti. Questo evento dà forza alla campagna dei difensori delle armi insieme alla precedente risposta inadeguata della Polizia di Uvalde dello Stato del Texas. In quella scuola Salvador RAMOS è stato autore della sparatoria che ha ucciso 21 persone.
Il sindaco di Greenwood, Mark MEYERS ha commentato affermando “… questa tragedia colpisce al cuore la comunità” e inoltre “… sono stato in Polizia per gran parte della vita, senza aver mai visto una cosa del genere”.

Il sindaco quindi ha anche pubblicamente ringraziato il Buon Samaritano: “Questa persona ha salvato vite. A nome della città gli sono grato per l’eroismo mostrato in questa situazione”.

Il Capo della Polizia Locale, Jim ISON ha precisato che “Il ragazzo veniva da Bartholomew County, quaranta chilometri a sud dal centro commerciale, ed era armato nel pieno rispetto della legge”.

SKY TG24

Ricostruzione dell’accaduto

Nel centro commerciale affollato di persone, intorno alle 18:00 ora locale, entra una persona, di cui ancora non sono state comunicate le generalità. Si dirige verso la zona dei pub e ristoranti. Armato di fucile d’assalto e svariati caricatori, con centinaia di colpi, inizia a fare fuoco sulla folla presente, uccidendo tre persone, ferendone due e causando il panico con un fuggi-fuggi generale. Mentre la gente terrorizzata fugge, testimoni parlano di decine di colpi esplosi, anche una bambina è colpita alla schiena ma sembra non essere in pericolo di vita.
Scene ormai purtroppo frequenti nella cronaca americana ma in questo caso con un differente epilogo: il killer è stato ucciso da un giovane ragazzo che ha estratto la pistola sparando sull’assassino e ammazzandolo. La Polizia è arrivata solo per constatare quanto avvenuto ed avviare le indagini di routine sul tragico avvenimento verificatosi, negli Stati Uniti il 347° in appena 193 giorni.

Inadeguatezza della polizia nella strage di Uvalde

Uvalde è il capoluogo della omonima contea di Uvalde nello stato del Texas, teatro lo scorso 24 Maggio 2022 della strage compiuta da un ragazzo di 18 anni, Salvador RAMOS che ha ucciso a sangue freddo in classe diciannove bambini, insieme a due adulti di cui un insegnante.
Già si erano levate pesanti critiche dopo il video shock che mostra agenti immobili tra i 376 tutori dell’ordine presenti, fermi in attesa per 74 minuti mentre il killer uccideva le 21 persone.

Si è parlato di “fallimenti sistematici” e di “eclatante cattiva capacità decisionale” generatori di un teatro di scena caotico della durata di 77 minuti prima dell’irruzione e uccisione del killer.
Queste critiche si accrescono con l’evento di Greenwood che sposta la bilancia verso le sentenze favorevoli al possesso delle armi.

Il Secondo Emendamento della Costituzione Americana dal 1791 riconosce e sancisce il diritto di portare le armi come diritto inviolabile, come il voto o la libertà di espressione.
Chi è contrario alla diffusione delle armi vede in una facile autorizzazione al loro acquisto il verificarsi di simili stragi.
Per i difensori delle armi questo evento è utile a rafforzare il diritto a difendersi ed a difendere il prossimo. Chi ha deciso di fare una strage compie un delitto e quindi certo non teme di commettere un reato come quello di acquistare illegalmente armi nel mercato nero. Se determinato ad una simile orribile azione non si fermerebbe per paura di un procedimento legale.

La domanda resta sospesa … ARMI NO ARMI SI.
.
“Nel mondo ci sono soltanto due forze, la spada e lo spirito.
Alla lunga, la spada viene sempre vinta dallo spirito.”

NAPOLEONE BONAPARTE



Seguici anche su www.persemprecalcio.it
Immagini tratte da CNN – FOXNEWS – SKY TG24