• Tempo di Lettura:2Minuti

Bossi junior verrà processato, Riccardo Bossi primogenito del fondatore della Lega Umberto Bossi indagato per truffa ai danni dello Stato. Secondo gli inquirenti tra il 2020 e il 2023 ha incassato indebitamente il reddito di cittadinanza. Il pubblico ministero della Procura di Busto Arsizio Nadia Alessandra Calcaterra ha depositato l’avviso a conclusione delle indagini, ora si prepara a chiedere il rinvio a giudizio. 

Riccardo Bossi assistito dall’avvocato Federico Magnante. si è avvalso della facoltà di non rispondere. Massimo entro 20 giorni dovrà depositare le memorie difensive, e chidere di essere ascoltato. Il figlio di Umberto ha percepito 280 euro al mese per 43 mensilità per incassando un complessivo di 12.800 euro. L’erogazione del reddito di cittadinanza era in verità collegata al canone di locazione di un appartamento come sostegno al pagamento. Appartamento secondo quanto accertato dagli inquirenti da dove Bossi junior era stato sfrattato perchè moroso. Di qui la contestazione del reato. 

Non è la prima volta che Riccardo Bossi, 45 anni finisce all’onore delle cronache. Un passato da pilota di rally, l’idea di andare all’Isola dei famosi ,coinvolto anche in altre vicende giudiziarie. L’accusa di truffa ai danni dello Stato è l’ultima di una lunga serie. Nel 2016 fu coinvolto nell’inchiesta della Procura di Milano The Family: accusato di aver utilizzato 158 mila euro delle casse della Lega per acquisti personali. Tra le voci di spesa comparivano noleggi auto, le rate dell’università, l’affitto di casa, il mantenimento dell’ex moglie, l’abbonamento alla pay-tv, luce e gas, e il veterinario.

Bossi junior verrà processato

Nel 2020 fu denunciato per non aver pagato un conto di 240 euro, una cena a base di champagne in un ristorante di Milano. Poche settimane prima aveva fatto la stessa cosa a Firenze evitando di pagare un conto da 66 euro. Ora la Procura di Busto si prepara a rinviarlo nuovamente a giudizio. Contattato il suo avvocato Federico Magnante per ora ha preferito non rilasciare dichiarazioni.

Seguiteci su https://www.facebook.com/persemprenews, https://x.com/persempre_news