• Tempo di Lettura:2Minuti

Ecco quanto ha detto il Ministro della Semplificazione e Pubblica amministrazione, Renato Brunetta: “Favorevole all’obbligatorietà del vaccino, se il green pass avrà difficoltà di implementazione rispetto all’ultima fase”.

Il green pass è un atto di responsabilità verso i più fragili e chi non ha la possibilità di vaccinarsi. Questa scelta, che abbiamo fatto poco più di un mese fa, sta dando buonissimi risultati e se riusciamo a compiere l’ultimo miglio con il green pass obbligatorio per la scuola non sarà necessario rendere per legge obbligatorio il vaccino, perché i cittadini saranno stati loro a decidere autonomamente”.

“Se il green pass avrà difficoltà di implementazione rispetto all’ultima fase, che però io credo sarà raggiunta, beh allora si penserà a una legge, come previsto dalla Costituzione, che renda obbligatorio il vaccino e che porti in sicurezza tutto il paese. O l’una o l’altra scelta è la scelta finale di responsabilità, di amore, di comunità. Tutte le altre obiezioni cadono. Non c’entra l’individualismo”.

“Non c’entra il fatto di decidere, perché la decisione è una decisione di libertà per tutti. La mia libertà finisce dove inizia la libertà degli altri. Per questa ragione io sono favorevole al green pass in tutte le sue potenzialità di scelta, ma sono anche favorevole all’obbligatorietà del vaccino, che è stata una scelta degli italiani. La quota di distinguo sia più piccola possibile e non metta in crisi l’equilibrio del sistema. Se invece questa quota non si riesce a comprimerla, beh allora serve l’obbligatorietà. È prevista dalla Costituzione”, ha concluso Brunetta.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it