• Tempo di Lettura:1Minuto

Il Comune di Napoli vieta comizio elettorale. La denuncia, seguita da conferenza stampa, è di Unione Popolare che attraverso il suo portavoce Luigi de Magistris lancia dure accuse all’amministrazione Manfredi. “Ignoranza, arroganza, inefficienza impediscono lo svolgimento del comizio di Unione Popolare a piazza degli Artisti (Vomero ndr)”.

“La presidente Cozzolino, del Pd – spiega l’ex sindaco di Napoli – ha espresso parere contrario al comizio conclusivo organizzato al Vomero. Il ‘no’ all’autorizzazione è avvenuto senza tempi congrui e soprattutto senza configurare nessuna alternativa” e “cancellando nei fatti uno spazio di democrazia”.

“Per questo inquietante clima nella gestione dello spazio pubblico – come si legge nella nota diffusa da Unione Popolare – ci faremo sentire anche dinanzi a tutti gli organi competenti, a cominciare dalla Prefettura”.

Per il Comune, non essendo piazza degli Artisti pedonalizzata, lo svolgimento del comizio elettorale avrebbe comportato problemi logistici. Tra cui il poco tempo a disposizione per la rimozione delle auto in sosta con ripercussioni sulla viabilità nella zona.