• Tempo di Lettura:2Minuti

La corte d’Assise di Palermo ha emesso oggi una sentenza definitiva per l’omicidio di Carlo La Duca, imprenditore agricolo scomparso nel nulla il 19 gennaio 2019. Luana Cammalleri e Pietro Ferrara, accusati di aver ucciso La Duca e occultato il suo cadavere, sono stati condannati all’ergastolo.

La scomparsa di Carlo

Carlo La Duca, residente a Cerda, in provincia di Palermo, scomparve misteriosamente dopo essere uscito di casa per incontrare la sua nuova compagna, Luana Cammalleri. La sua scomparsa ha destato molte preoccupazioni e ha alimentato una lunga ricerca da parte della madre della vittima, che ha lanciato appelli disperati tramite la trasmissione televisiva “Chi l’ha visto”.

Il processo

Secondo l’accusa, La Duca avrebbe perso la vita in un cantiere abbandonato a Ciaculli, dove si era recato per un appuntamento con Cammalleri e Ferrara. Il corpo della vittima non è mai stato trovato, ma le prove raccolte dagli inquirenti hanno condotto alla condanna dei due imputati.

Durante il processo, sono emersi numerosi dettagli inquietanti sulla dinamica del delitto. Si ritiene che La Duca sia stato ucciso per interessi legati alla proprietà di un casolare, oggetto di contesa tra lui e la moglie, Luana Cammalleri. Nonostante fossero già in corso procedure di divorzio, i rapporti tra La Duca e Cammalleri rimanevano tesi, alimentando sospetti e tensioni all’interno della famiglia.

Il movente esatto dietro all’omicidio resta tuttavia oscuro. Gli inquirenti hanno ipotizzato che Cammalleri e Ferrara avessero pianificato l’omicidio per appropriarsi della proprietà di La Duca, ma il quadro completo delle motivazioni rimane ancora da chiarire.

La sentenza di oggi mette fine a un lungo periodo di incertezza per i familiari della vittima, ma molti interrogativi rimangono irrisolti. Resta da capire come i due imputati si siano sbarazzati del corpo di La Duca e quale sia stato il ruolo preciso di ciascuno nell’omicidio.

Nonostante la condanna, l’ombra di un mistero avvolge ancora l’intera vicenda, lasciando aperte molte domande sulla tragica scomparsa di Carlo La Duca.