• Tempo di Lettura:2Minuti

Si è concluso a Milano il processo con rito abbreviato contro un maestro di religione 35enne, arrestato a marzo 2023 con l’accusa di violenza sessuale su quattro bambini tra i 4 e i 5 anni in un asilo. L’uomo è stato condannato a 6 anni e 8 mesi di reclusione.

La scoperta degli abusi

Gli abusi sono avvenuti durante le attività scolastiche e sono stati documentati grazie a delle microcamere installate dagli agenti della Polizia locale, coordinati dalla pm di Milano, Rosaria Stagnaro. È stata una collega del maestro a sollevare i primi sospetti, notando comportamenti inusuali da parte del 35enne. Le indagini hanno portato all’installazione delle microcamere nell’aula, che hanno fornito le prove necessarie per l’arresto.

Il processo

Il gup Angela Minerva ha giudicato il caso, condannando l’ex maestro a 6 anni e 8 mesi di reclusione. Inoltre, è stato disposto un risarcimento provvisionale di 10mila euro per ciascun genitore delle vittime, per un totale di 80mila euro, con ulteriori danni da definire in sede civile.

Conseguenze per l’insegnante pedofilo

Il giudice ha stabilito che l’ex insegnante non potrà più svolgere lavori a contatto con minori e gli ha imposto l’interdizione dai pubblici uffici e il divieto di avvicinarsi a strutture frequentate da bambini. Per due anni dopo l’espiazione della pena, l’uomo dovrà anche comunicare i propri spostamenti e la residenza.

Il 35enne era stato trasferito dal carcere ai domiciliari in una comunità terapeutica, ma è tornato in carcere a causa di alcune violazioni. La perizia psichiatrica richiesta dalla difesa ha stabilito che l’imputato non aveva alcun vizio di mente.Un’altra indagine parallela ha rivelato segnalazioni di abusi su altri quaranta bambini nelle varie scuole dove l’uomo aveva insegnato in passato, ampliando ulteriormente la gravità del caso.

Segui Per Sempre News anche sui social!