• Tempo di Lettura:1Minuto

Edoardo Garrone ha annunciato il suo ritiro dalla corsa alla presidenza di Confindustria, aprendo la strada all’imprenditore emiliano Emanuele Orsini come possibile successore. La decisione è stata presa dopo un periodo di “forti fratture e tensioni” all’interno dell’associazione.

Il consiglio generale di Confindustria si riunirà domani per votare e designare il prossimo leader. L’elezione ufficiale avverrà il 23 maggio con il voto dell’assemblea.

Le motivazioni del ritiro di Garrone

Garrone ha motivato il suo ritiro affermando che a Confindustria non serve un candidato che vinca per pochi voti. Ha sottolineato che solo sostenendo un unico candidato e garantendogli forza e autonomia si può assicurare la migliore governabilità all’associazione.

In una dichiarazione, Garrone ha espresso il suo dispiacere per la rinuncia, ma ha espresso fiducia che possa portare a un cambiamento significativo e necessario, che renda orgogliosi coloro che hanno contribuito a questa decisione. Ha concluso affermando che questa scelta riflette un impegno a servire il sistema anziché servirsi del sistema a proprio vantaggio.

Resta da vedere come questa decisione influenzerà il processo di selezione del prossimo presidente e quali saranno le implicazioni per il futuro di Confindustria e del sistema imprenditoriale italiano.

Segui Per Sempre News anche sui social!