“L’epifania tutte le feste le porta via” Essa è una festività cristiana che si celebra 12 giorni dopo il Natale chiudendo così il periodo natalizio. In Italia ed in tutte le chiese occidentali questa festività si celebra il 6 gennaio mentre per le chiese orientali che seguono il calendario giuliano con il Natale che si festeggia il 7 gennaio, tale festività si celebra il 19 dello stesso mese. Da un punto di vista religioso il significato dell’evento è quello della manifestazione di Gesù come Dio ai Re Magi che provvidero a adorarlo.

Il termine Epifania deriva dal greco e significa appunto “apparizione”, “venuta” e la Chiesa di rito romano stabilì che l’Epifania doveva ricorrere il 6 gennaio del calendario gregoriano, mentre il battesimo di Gesù la domenica successiva. Ma quali sono le origini della Befana? L’anziana signora che “vien di notte con le scarpe tutte rotte” deve il suo nome ad una correzione lessicale di Epifania che diventa “Befania” ed è una tradizione tipica del nostro Paese risalente ad epoche molto antiche. Infatti, tra il X e VI secolo A.C. diverse comunità festeggiavano in questo periodo la chiusura del ciclo stagionale legato all’agricoltura.

Fu proprio per tal motivo che nacque anche la tradizione del dono, che in un primo momento, era rappresentato dall’offerta di chi aveva giovato di maggiore abbondanza verso chi era stato meno fortunato. “E cà te voglio! Direbbe Vox populi, allora non è che per dare un vero senso a questa festività, occorrerebbe che certe persone che hanno avuto la fortuna di avere più degli altri in questa società, e non sempre per loro meritocrazia, fossero un po’ più generosi verso coloro che sono stati meno fortunati?  Proviamo a lanciare questo appello affinché almeno in questo giorno si possano assistere a maggiori iniziative di solidarietà verso chi soffre ed è in situazioni di indigenza.

Perciò per tutte le befane datevi da fare. Quest’anno le regole sono cambiate! Non dimenticate mascherina, scopa e autocertificazione. E mi raccomando, volate ad almeno un metro di distanza dalle altre ed al primo sintomo correte in farmacia a farvi il tampone. Tanto di notte una farmacia notturna la troverete sempre. Buon lavoro a tutte. 

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it