• Tempo di Lettura:2Minuti

L’ Università di Modena e Reggio Emilia ha celebrato un evento senza precedenti, conferendo a Gianluigi Giovetti, un uomo di 102 anni nato a Modena nel 1922, il prestigioso titolo di ‘Cultore della Materia’ in Chimica Farmaceutica. La cerimonia, che ha avuto luogo tramite collegamento online, è stata un momento di gioia e orgoglio per Giovetti e per la comunità accademica.

La storia di Gianluigi Giovetti è un esempio di dedizione e passione per il proprio campo di studio. Laureatosi in Chimica Pura presso l’Università di Modena, proprio nel 1947, Giovetti ha trascorso gran parte della sua vita coltivando il suo interesse per la chimica farmaceutica.

Il riconoscimento odierno è stato definito “un’inaspettata conseguenza della richiesta di prendere in considerazione il materiale relativo a un esame a suo tempo non riconosciuto”.

Voto unanime per Giovetti

Il dipartimento di Scienze della Vita dell’Università di Modena ha votato all’unanimità per conferire a Giovetti il titolo di ‘Cultore della Materia’. La Professoressa Lorena Rebecchi, direttrice del dipartimento, ha espresso grande soddisfazione per questo riconoscimento, sottolineando la dedizione, l’entusiasmo e la competenza con cui Giovetti ha coltivato il suo interesse nel corso degli anni.

La Professoressa Maria Paola Costi, docente di Chimica Farmaceutica, ha preso parte alla cerimonia insieme alla Professoressa Rebecchi. Entrambe hanno elogiato il contributo di Giovetti nel campo della chimica farmaceutica e hanno sottolineato il suo impegno costante nel corso degli anni.

Il commento di Gianluigi Giovetti

Gianluigi Giovetti, visibilmente emozionato e grato, ha commentato: “Mi ha fatto molto piacere. L’attestato, che farà mostra di sé nella camera della casa di riposo dove sono ospitato, corona il mio lavoro svolto in tutti gli anni passati presso la facoltà di Farmacia a Modena. Ne sono veramente onorato”.

Questo riconoscimento non solo celebra una vita dedicata alla ricerca e all’apprendimento, ma testimonia anche l’importanza di riconoscere e valorizzare le contribuzioni di persone come Gianluigi Giovetti, che con la loro passione e il loro impegno hanno arricchito il mondo accademico e scientifico.