• Tempo di Lettura:1Minuto

Nel pomeriggio di ieri, giovedì 22 febbraio, intorno alle 17.30, un un edificio di ben quattordici piani di nuova costruzione ha preso fuoco a Valencia.
Secondo le prime stime nel rogo sono morti carbonizzati quattro persone, tuttavia sono almeno cinque i dispersi mentre i ferriti ammonterebbero a quindici con gravi sintomi di intossicazione.
Per la ricerca dei dispersi i vigili del fuoco spagnoli stanno utilizzando dei droni, mentre è stato allestito un ospedale da campo nella zona.
Le cause del maxi incendio sono ancora ignote ma, stando alle prime ricostruzioni, sarebbero state il poliuretano, il materiale infiammabile che ricopriva la facciata del palazzo, e il forte vento che spirava sulla città spagnola che avrebbero favorito il divampare delle fiamme.
L’incendio avrebbe impedito, inizialmente, alle tredici squadre dei vigili del fuoco di fare il loro lavoro mentre nel circondario sono stati fatti evacuare un altro edificio e un centro commerciale.
Il primo ministro spagnolo, Pedro Sanchez, si è detto sconvolto per la tragedia e ha espresso solidarietà alle persone colpite annunciando che offrirà tutto l’aiuto necessario.