• Tempo di Lettura:1Minuto

Nuovi sviluppi nell’inchiesta sulla tragica morte di Giulia Cecchettin emergono dal colloquio tra il sospettato, Filippo Turetta, e il gip di Venezia, Benedetta Vitolo.

Dopo circa due ore di colloquio con il suo legale, Giovanni Caruso, seguendo l’interrogatorio, Turetta ha scelto di non rispondere alle domande poste dalle autorità.

Tuttavia, ha deciso di rilasciare dichiarazioni spontanee in cui ha sostanzialmente confermato quanto aveva precedentemente ammesso alle autorità tedesche.

Le dichiarazioni spontanee di Turetta

Nelle dichiarazioni fatte alle autorità tedesche, Turetta aveva affermato di aver commesso l’omicidio di Giulia Cecchettin e di non aver avuto il coraggio di togliersi la vita in seguito.

Ora, con queste dichiarazioni di conferma fatte davanti al gip, Turetta ha ammesso l’omicidio della giovane davanti alle autorità italiane.

Durante l’interrogatorio, Turetta è apparso visibilmente scosso, piangendo di fronte al gip.

Nonostante ciò, ha scelto di avvalersi della facoltà di non rispondere alle domande poste durante l’interrogatorio.