• Tempo di Lettura:2Minuti

L’Italia si risveglia. Proteste di Piazza, tam tam verbali, di Salvini capo fila di Forza Italia per voce di Tajani, insieme ai toni accesi della Meloni, hanno fatto centro. Draghi nella conferenza stampa ha definito la nuova manovra di libertà controllata, rischio ragionato. Il paese da lunedì, esce dal lungo sonno di un inverno domiciliare durato 12 mesi. La mappa dei colori, diventa monocromatica, in tre quarti delle regioni, persiste il rosso in Valle D’Aosta, Campania e Sardegna.

Pranzi e cene all’ aperto sul modello Londinese , coprifuoco fino alle 22 in questa prima fase sperimentale , anche perchè ha precisato Draghi solo rispettando le regole imposte; mascherine, distanze, divieto di assembramenti, non più di quattro persone al tavolo, eviteremo nuove chiusure. Si agli spettacoli all’aperto, riapertura progressiva di musei, teatri e cinema, la cultura umiliata e messa in soffitta, non può essere trattata come vecchie cose che recuperiamo solo quando i ricordi riaffiorano.

Si discute sul turismo, punto di forza del nostro Paese, le città d’arte che il mondo ci invidia, soffrono di solitudine, come gli alberghi orfani di presenze. La linea del Governatore De Luca che pretende di vaccinare gli isolani per favorire l’afflusso dei turisti, bocciata dalle categorie di terra, contrarie a privilegi che porterebbero chi non ne usufruisce ad una sicura morte economica. Grecia e Spagna da qualche settimana hanno ritrovato l’energia perduta dopo mesi di restrizioni, ma il bagno di libertà senza regole, abbiamo visto che non funziona, effetto Sardegna, da bianca a rossa, la cautela è d’obbligo, il virus continua a circolare, sempre alto il numero dei decessi giornalieri.

L’euforia delle prime riaperture, non ci deve far dimenticare la vaccinazione, certificato di garanzia per la nostra salute. Incertezza e confusione debbono lasciare il posto alla consapevolezza, senza un piano sanitario efficace, la pandemia non si risolve. Previsti 7 milioni di vaccini per maggio e giugno dosi massicce di Pfizer. Il Johnson & Johnson in stallo a Pratica di Mare, probabilmente dopo il parere dell’ Ema Sara’ inoculato come l’Astrazeneca, con qualche postilla.

I virologi continuano a sostenere che i vaccini sono tutti efficaci. Insomma qualcosa si muove, carpe diem diceva Orazio, godiamo il presente, mi permetto di aggiungere aspettando il futuro.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it