• Tempo di Lettura:1Minuto

Maxi sequestro di cocaina a Trieste. Coordinata dalla Dda, la Guardia di Finanza ha bloccato oltre 4 tonnellate dello stupefacente, eseguendo inoltre provvedimenti restrittivi nei confronti di 38 persone. Operazione effettuata tra Europa e Colombia. Sottoposti a sequestro anche circa 2 milioni di euro in contanti. Si tratta di una delle operazioni più importanti eseguite in Europa. Secondo quanto sostenuto da inquirenti e investigatori, la cocaina sarebbe stata pagata dalle varie bande criminali acquirenti intorno ai 100 milioni. In Italia la vendita al dettaglio della droga ne avrebbe duplicato il valore, portandolo a 240 milioni di euro. Non solo droga, arresti e soldi. La Gdf ha sequestrato veicoli commerciali, auto di lusso. Le indagini sono durate circa un anno, portate avanti dalla collaborazione tra la magistratura italiana, la polizia colombiana e il braccio investigativo dell’americana Homeland Security Investigations. Smantellata una complessa ed articolata rete messa in piedi tra produttori di cocaina del Sud America e acquirenti italiani ed europei. I primi legati a clan con basi operative al Nord, Lombardia e Veneto, al Centro, nel Lazio, e al Sud, in Calabria. Incastrati anche importanti broker, grossisti e trasportatori.