Nuove misure per fronteggiare l’emergenza epidemiologica, atteso per oggi il Consiglio dei Ministri. Il Governo si muove verso una nuova stretta per frenare la corsa del virus. Tra le ipotesi in campo, in alternativa all’imposizione del super green pass a tutti i lavoratori, anche l’obbligo vaccinale per i soggetti fragili, i più a rischio, come gli over 60.

Il premier Mario Draghi, rientrato a Roma, ha fatto il punto con i ministri Roberto Speranza, Patrizio Bianchi, Roberto Brunetta e con il commissario Francesco Figliuolo in vista del Consiglio dei ministri che si dovrebbe tenere nel pomeriggio per varare nuove misure utili a fronteggiare il picco dei contagi, atteso a fine mese. Prima potrebbe tenersi una cabina di regia politica.

Sul tavolo c’è l’estensione del green pass rafforzato a tutti i lavoratori, pubblici e privati. Tuttavia, questa misura vede la contrarietà della Lega, non convince il M5S e suscita dubbi anche nel Pd, che preme invece per l’obbligo vaccinale. La maggioranza si divide anche sullo smart working. L’ipotesi dell’obbligo vaccinale sarebbe spuntata invece nel corso della Conferenza delle Regioni straordinaria.

“Le abbiamo provate tutte ma a questo punto non resta che l’obbligo vaccinale per tutti i lavoratori e i soggetti più fragili che ancora non hanno fatto il vaccino per scelta. Con i miei colleghi presidenti di Regione abbiamo avanzato al Governo la richiesta di intervenire al più presto per fronteggiare il picco dei contagi previsto per la fine di gennaio”, ha detto il presidente della Liguria, Giovanni Toti.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it