Firmato il “Protocollo Zeus” tra la Questura di Napoli e il C.I.P.M. Campania, destinato al percorso riabilitativo dei soggetti. Nella sala Ammaturo della questura di Napoli, il questore Alessandro Giuliano e il presidente del C.I.P.M. Campania (Centro Italiano per la Promozione della Mediazione), Roberto Iannucci, hanno siglato il protocollo “Zeus”. Si tratta di un accordo di collaborazione in base al quale i destinatari dei provvedimenti di ammonimento del questore per atti persecutori e violenza domestica saranno invitati presso il C.I.P.M. Campania per intraprendere, su base volontaria, un percorso di recupero. Gestito da psicologi e criminologi clinici, il progetto consentirà loro di riconoscere le proprie responsabilità e di migliorare la gestione delle emozioni e il controllo dei propri impulsi. Affrontare il problema della violenza dal punto di vista dei  maltrattanti, offrendo loro la possibilità di modificare il proprio comportamento, rappresenta infatti una misura per ridurre le recidive.  Il protocollo “Zeus” contribuirà alla costruzione di un sistema di prevenzione basato su un efficace modello di rete tra tutte le istituzioni quotidianamente impegnate contro la violenza domestica o di genere.