• Tempo di Lettura:2Minuti

Dopo quasi tre anni di angoscia e incessanti ricerche, Filippo Zanella, fisioterapista di Cesena di 47 anni, ha finalmente ritrovato la sua figlia scomparsa, Noemi. La bambina, nata in Italia nel 2014, era partita con la madre verso la Polonia a fine settembre 2021 e da allora si erano perse le tracce.

La Scomparsa

Noemi, una bambina di sette anni, era stata portata dalla madre nel suo Paese d’origine, la Polonia. Da quel momento, Filippo aveva perso ogni contatto con la figlia, ma non ha mai smesso di cercarla. La determinazione e l’amore di un padre l’hanno portato a trasferirsi temporaneamente in Polonia per facilitare le ricerche.

Il Ritrovamento

Il 5 giugno, a Rzeszów, è arrivata la svolta tanto attesa. Durante una conferenza stampa, Zanella ha condiviso la gioia del ritrovamento, raccontando il lungo e difficile percorso che ha affrontato. Le autorità locali e le organizzazioni internazionali per i diritti dei bambini hanno giocato un ruolo cruciale nel recupero della piccola Noemi.

La Conferenza Stampa

Durante l’incontro con i giornalisti, Zanella ha espresso la sua gratitudine verso tutti coloro che hanno contribuito alle ricerche. “Non ho mai perso la speranza,” ha detto emozionato. “Finalmente, dopo tanto dolore e preoccupazione, posso riabbracciare la mia bambina.”

Implicazioni Legali

Le circostanze della scomparsa e il ritrovamento di Noemi stanno ora sotto la lente delle autorità italiane e polacche. La madre della bambina potrebbe affrontare accuse legali per sottrazione di minore, una questione che verrà esaminata nei prossimi mesi.

Segui Per Sempre News anche sui social!