• Tempo di Lettura:2Minuti

L’Editoriale

Aspettando martedì’ situazione di stallo, in mano di concreto c’e’ poco, solo ipotesi che non fanno male e che contribuiscono ad aumentare la confusione che regna sovrana dentro e fuori la crisi di cui gli Italiani avrebbero fatto volentieri a meno, in testa hanno ben altro.

La Pandemia, un avvoltoio in cerca di prede. I vaccini ci sono e non ci sono, qualcosa si muove, strada lunga e tutta in salita. I numeri ci dicono che per raggiungere l’ area salvezza, immunita’ di gregge, dovremo cercare altrove, nelle case di chi i vaccini li produce e ce li può’ dare.

Nel Palazzo il tempo a disposizione si sta riducendo, il Presidente Fico lascia trapelare possibilità di ricompattare, lunedì ultimo giro di consultazioni. Renzi perderebbe la dignità’ se accettasse il metodo Conte insieme alla stessa maggioranza. L’accusa di immobilismo lanciata da Renzi al governo Conte e’ ancora li. Porta aperta invece a Draghi l’invisibile, l’unico in grado di riprendere le redini e vincere la corsa.

Impazza il toto ministri, se Conte lasciasse Palazzo Chigi pronto per lui il Ministero degli Esteri, via Di Maio agli Interni, Boschi alla Difesa, Cartabia alla Giustizia. Luci accese al Quirinale, Mattarella preoccupato per il Paese attende buone nuove dal Presidente Fico, in caso contrario sempre Lui si assumerà il compito di dare agli italiani un governo stabile in grado di produrre riforme, non di rinviare, di presentare progetti degni di un Italia che si e’ persa e si vuole ritrovare.

Seguici anche su www.persemprecalcio.it