• Tempo di Lettura:1Minuto

” Il successo di Napoli con i David di Donatello dimostra quanto sia forte lo stupendo giacimento culturale che è la nostra città. Le artiste e gli artisti napoletani sono grandi in talento, creatività, professionalità e talvolta genialità”. Lo sostiene l’ex sindaco di Napoli Luigi de Magistris. “Quando Napoli primeggiava solo per Gomorra, mentre da anni invece stravince per la sua offerta culturale plurale. Tanto da diventare primo set cinematografico all’aperto d’Italia”. E ricorda “la politica faceva pagare occupazione di suolo pubblico agli artisti di strada. Ostacolava anche le produzioni televisive e cinematografiche. Operava solo per occupare la cultura per un consenso peloso, non per sostenerla come strumento di liberazione di coscienze e menti”. “Dieci anni di riscatto della città: Napoli è stata la prima città d’Italia per crescita culturale e turistica. Tantissimi successi sono maturati in anni in cui abbiamo scommesso su Napoli e i suoi talenti. La città e il suo popolo venivano invece mortificati dal circuito mediatico-politico dominante. Complimenti, quindi, alle persone che hanno ottenuto il meritato riconoscimento. Grazie in chi crede nella cultura come lavoro (duro e difficile) e come emancipazione delle comunità popolari”, conclude de Magistris