• Tempo di Lettura:2Minuti

Il 16 aprile, una tragedia ha colpito una famiglia residente a Marina di Chiatona, nel tarantino, in Puglia. Inna Aprilova, originaria della Bulgaria, ed il figlio Alexander Pastore, appena dodicenne, sono stati vittime di un incidente mortale lungo la Statale 100, una che ha già visto troppe tragedie.

Lo schianto, avvenuto tra l’auto su cui viaggiavano madre e figlio ed un camion, ha lasciato ferito gravemente il marito di Inna, un 37enne operaio della Leonardo di Grottaglie. L’incidente è avvenuto a San Basilio, nei pressi dell’area di sosta della Sala Azzurra, alle 16:15 di martedì.

Alexander, un ragazzo che sognava un futuro nel calcio e che giocava come portiere nell’under 12 dell’Asd Calcio Bari, aveva davanti a sé una carriera promettente. Frequentava l’istituto Giovanni XXIII di Palagiano e la sua perdita ha gettato nello sconforto non solo la famiglia, ma anche la scuola che frequentava.

Il padre, gravemente ferito nell’incidente, è stato ricoverato prima in rianimazione, poi in ortopedia, con fratture multiple. Al momento, non sa ancora di aver perso la moglie e il figlio maggiore. La coppia lascia anche un’altra figlia più piccola, che per fortuna non si trovava nell’auto al momento dell’incidente.

Gli amici e i conoscenti descrivono Inna come una madre amorevole, dolce e rispettosa. La sua perdita ha scosso profondamente la comunità di Palagiano e la scuola frequentata da Alexander, dove la preside Rosa Bianca La Greca ha espresso il dolore e la solidarietà di tutta la scuola.

Le parole del sindaco di Palagiano

Il sindaco di Palagiano, Domenico Pio Lasigna, ha parlato del problema della Statale 100, un tratto di strada che purtroppo ha visto già troppe tragedie. Questo incidente mortale non è che l’ennesimo episodio di una strada maledetta che continua a mietere vittime.