• Tempo di Lettura:2Minuti

Ancora in corso le indagini sulla misteriosa morte di tre turisti statunitensi, avvenuta nel corso del loro pernottamento in un lussuoso resort alle Bahamas.

Secondo quanto dichiarato dal ministro della Salute, Michael Darville, gli ospiti avrebbero accusato nausea e vomito sintomi lo scorso giovedì. Poco dopo il loro arrivo in una clinica del posti, sono stati dimessi. Inoltre, i soccorritori hanno trasportato in aereo una quarta persona, con sintomi dello stesso tipo, in un ospedale a New Providence dove è stato curata.

“Una signora è stata vista alla clinica e successivamente trasportata in aereo a New Providence. È al Princess Margaret Hospital in cura e stiamo conducendo le nostre indagini mentre parliamo. La squadra è ancora qui sull’isola. Alcuni di noi stanno tornando indietro a Nassau e avremmo più informazioni con il passare dei giorni e probabilmente durante il fine settimana”.

Cosa dicono dalle Bahamas?

Interrogato dalle autorità locali, un vacanziere che soggiornava al Sandals Emerald Bay ha ipotizzato che la causa del decesso possa essere ricondotta all’impianto di condizionamento. Sarebbe stato questo ad aver causato una perdita di refrigerante tossico. In un post su Facebook, l’ospite ha detto: “Tre dei nostri vicini nell’edificio accanto a noi sono morti e un quarto trasportato in elicottero in condizioni critiche. Sembra che la causa sia un guasto all’aria condizionata che ha causato una perdita di refrigerante tossico. È stato difficile dormire ogni volta che si accendeva l’aria condizionata, mi svegliavo”.

Un rappresentante del resort ha confermato l’avvenuto, sostenendo che “la società sta lavorando attivamente per supportare sia le indagini che le famiglie degli ospiti in ogni modo possibile”. 

Tuttavia, il primo ministro ad interim, Chester Cooper, ha dichiarato che sono in corso le indagini da parte della polizia e, per scoprire la causa della morte, è necessario attendere i risultati degli esami tossicologici. Dunque ha sottolineato: “Riteniamo che quello che stiamo vedendo sia un caso isolato associato in una particolare area”.