U.F.O., ovvero Unidentified Flying Object. Tradotto: oggetto volante non identificato. Tre lettere che hanno il potere di aprire, nella mente di ciascuno di noi, interi universi e di stimolare le fantasie più disparate. In quel breve acronimo sono racchiusi i fotogrammi di film come La guerra dei mondi, Ultimatum alla Terra, Alien, Indipendence Day, E.T. e tanti altri.

Sul tema sono stati scritti fiumi di inchiostro, sia per romanzi e fumetti sia per teorie complottistiche più o meno azzardate.Col passare degli anni, la sigla U.F.O. è divenuta sinonimo di “disco volante” o “extraterrestre”, ma spesso gli oggetti volanti non identificati avvistati si sono rivelati tutt’altro che misteriosi: palloni sonda, soprattutto, o droni in tempi più recenti.

Altrettanto spesso, i filmati o le foto di avvistamenti si sono dimostrati frutto di abili fotomontaggi, divenuti sempre più alla portata di tutti con il progredire della tecnologia e con la diffusione capillare di software per l’editing fotografico.

IL GOVERNO USA DESECRETA LE IMMAGINI UFO DEL 2019

Per questa ragione è ancora più sorprendente il filmato che Jeremy Corbell, ricercatore esperto di Ufo e videomaker, ha diffuso qualche giorno fa attraverso i suoi profili social.

Filmato la cui autenticità non è stata contestata dal Pentagono, che ha desecretato le immagini, risalenti al 2019.

Il 15 luglio di quell’anno, la nave da guerra americana Omaha si trovava al largo di San Diego (California) quando sul radar sono comparsi diversi oggetti volanti non identificati (UFO, appunto).

14 UFO ANFIBI SUI RADAR DELLA NAVE OHAMA

Nel filmato, registrato all’interno del Combat Information Center della nave, sono perfettamente udibili le voci dei militari che commentano stupiti l’apparizione degli UFO sul radar, parlando di oggetti in avvicinamento a velocità variabili tra cinquanta e centotrentotto nodi (come termine di paragone basti pensare che la Omaha, nave da guerra progettata per essere veloce, può raggiungere i quaranta nodi).

Le apparizioni sono andate in crescendo fino a quando sul monitor sono state visibili almeno 14 unità.

I voli sono durati circa un’ora, poi, intorno alle undici di notte, uno è stato visto inabissarsi nelle acque del Pacifico.

Le successive ricerche non hanno tuttavia portato all’individuazione di alcun relitto.

Gli oggetti sono stati descritti come “sferici, solidi, luminosi, di circa sei piedi di diametro (1,82 metri)”; inoltre, secondo quanto rivelato da Corbell, gli UFO sarebbero stati classificati come mezzi anfibi, capaci di passare dall’aria all’acqua senza distruggersi.

OBAMA: NON SAPPIAMO COME SPIEGARE I MOVIMENTI DEGLI UFO

Sulla questione è intervenuto anche l’ex presidente Usa Barack Obama.

Intervistato al Late Late Show, trasmissione condotta dal comico James Corden con un taglio leggero e rilassato, ha risposto in maniera molto istituzionale (del resto, cosa ci si poteva attendere?) alla domanda sugli avvistamenti che gli è stata rivolta non dal conduttore, bensì da un musicista della band.

Obama, insomma, non ha ammesso che “gli alieni esistono” come qualche ingenuo ha riportato, ma ha semplicemente dichiarato che “è vero che ci sono filmati e immagini che mostrano oggetti nei cieli di cui non si conosce la natura, dei quali non possiamo spiegare come e secondo quali traiettorie si muovano.

È chiaro, quindi, che la gente voglia indagare e capirne di più”.

Nelle prossime settimane, i servizi di intelligence dovrebbero diffondere un rapporto su come vengono gestiti casi come l’avvistamento della Omaha.

FONTI:

https://www.extraordinarybeliefs.com/news4/navy-ufo-radar-data

https://www.nbcnews.com/science/science-news/ufos-are-make-way-us-senate-know-rcna973