Variante inglese: gli Italiani provenienti dalla Gran Bretagna a casa per le feste natalizie. Le condizioni devo essere però quelle di residenza nel nostro Paese, oppure di “urgenza e criticità”. Accordo siglato ieri alla Farnesina con il ministero dei Trasporti e quello della Salute. In queste ore il ministro degli Esteri Luigi Di Maio avrebbe quindi in seguito firmato l’ordinanza. In cosa consiste precisamente? Prevede appunto la possibilità di rientrare in Italia ai cittadini che si trovano in Gran Bretagna e che sono residenti nel nostro Paese. Oppure per condizioni di urgenza e criticità. Il tutto in condizioni di previdenza e sicurezza. E’ infatti previsto il tampone prima della partenza e all’arrivo, e la quarantena obbligatoria di 14 giorni una volta rientrati in Italia. In attesa le firme del ministro Speranza e della ministra De Micheli. Intanto anche in Gran Bretagna qualcosa si muove a seguito della scoperta e diffusione della variante inglese. Il porto britannico di Dover pare sia stato infatti riaperto al traffico in uscita, in seguito all’accordo trovato tra Regno Unito e Francia che mette fine al divieto temporaneo imposto in seguito alla scoperta della nuova variante del Covid 19. In un comunicato, il principale hub britannico ha scritto che avrebbe riaperto dalla mezzanotte, anche se non è ancora chiaro quando le centinaia di camion e tir in attesa potranno cominciare a muoversi. La nota spiega anche che il porto sarà accessibile solo “per i clienti che sono risultati negativi al test Covid”.

Sei appassionato di calcio? Seguici su persemprecalcio.it