• Tempo di Lettura:2Minuti

“La Campania è la regione con il più alto numero di vittime innocenti in Italia ed è la seconda regione d’Italia per numero di beni confiscati. Questo protocollo è una porta aperta agli studenti, per far sì che possano venire a casa nostra ed aiutarci, collaborando insieme”. Lo ha dichiarato il presidente della Fondazione Polis Enrico Tedesco durante l’incontro con gli studenti e la firma di un protocollo d’intesa per la tutela ed il riutilizzo dei beni confiscati presso il Dipartimento di Giurisprudenza e laboratorio sui beni confiscati dell’Università Parthenope. Dopo i saluti del Direttore del Dipartimento Federico Alvino e del Coordinatore del Corso di Studi Marco Esposito, l’accordo sottoscritto con la Fondazione è stato presentato dalla Prof. Carla Pansini – Direttore del Master in ‘Prevenzione dai rischi di infiltrazioni criminali nelle attività economiche, gestione, amministrazione e riutilizzo dei beni sequestrati e confiscati’.

Ricordando l’on. Pio La Torre, la prof. Pansini ha sottolineato l’importanza del riutilizzo dei beni confiscati e della firma del protocollo che è ‘frutto di un lungo lavoro ma è solo un punto di partenza per ragionare insieme su progetti concreti’.

L’incontro ha visto la partecipazione del presidente del Tribunale di Torre Annunziata Ernesto Aghina, di Emma Lorena – figlia di Pasquale Cappuccio, di Vincenzo Abate – presidente della Onlus ‘la forza del silenzio’.