Tra non poche polemiche ci si sta avviando verso il giorno di riapertura della scuola. Mentre il governo appare deciso a confermare per il 10 gennaio il ritorno tra i banchi (foto da fb) alcune regioni invece spingono per un rinvio, in particolare per le primarie. In prima fila, come sempre la Campania, politicamente guidata dal presidente Vincenzo De Luca. “In relazione alla riapertura delle scuole – dichiara – sento circolare l’ipotesi di tenere a casa i bambini non vaccinati. Mi sembrerebbe una misura tanto odiosa e discriminatoria, quanto ingestibile”. E aggiunge: “Credo che si debbano prendere misure semplici ed equilibrate, con l’obiettivo di aprire le scuole in presenza quanto prima e per sempre, nel quadro attuale di diffusione del contagio fra i giovanissimi, mi parrebbe una misura equilibrata e di grande utilità il semplice rinvio del ritorno a scuola”. Per De Luca, se ne potrebbe riparlare a fine gennaio ma sul ripristino della dad non tutti sono d’accordo. In prima linea la Rete della scuola in presenza che anticipa di adire a vie legali per tutelare scolari e famiglie.