• Tempo di Lettura:2Minuti

Se famo na carbonara? Quante volte si sente dire questa frase o si dice per stare in compagnia o salvare una serata con ospiti importanti. Il piatto romano fatto di uovo, guanciale (guai a dire pancetta!), pepe e pecorino è ora di festeggiare un compleanno tondo: sono passati ben 70 anni da quando è stato creato uno dei primi italiani più famosi nel mondo. Il 6 aprile 1954 apparve sul periodico “La Cucina Italiana” in una versione totalmente diversa da quella attuale. In quella ricetta infatti erano compresi ingredienti che ora sono assolutamente banditi come aglio schiacciato, gruviera e perfino pancetta. Negli ultimi 20 anni però la preparazione si è ridotta a pochi ma buoni e nella sua semplicità, sbalordisce sempre tutti.

La prima volta in assoluto però era stata nel 1952 in inglese e in una guida ai ristoranti di Chicago con un approfondimento con i migliori piatti di ciascuno: Vittles and Vice – An Extraordinary Guide to What’s Cooking on Chicago’s Near North Side di Patricia Brontè. E la prova che la carbonara sia italiana è che quel piatto arrivava proprio da un ristorante nostrano, Armando’s, di proprietà di Pietro Lencioni e Armando Lorenzini.

L’ottava edizione del Carbonara Day

L’Associazione dei pastai italiani di Union Food ha deciso quindi di festeggiare questi 70 anni dalla prima pubblicazione della ricetta con l’ottava edizione del Carbonara Day. Una “spaghettata social” internazionale che la scorsa edizione ha coinvolto oltre 1 miliardo di pasta lovers nel mondo che hanno postato le loro carbonare, cucinate a casa o gustate al ristorante, sui social network. Questo anniversario quindi si gioca fra storia e contemporaneità, ricordando proprio i gusti della carbonara del 1954.