• Tempo di Lettura:2Minuti

Alle 2:00 della notte del 31 marzo, giorno di Pasqua, è ritornata l’ora legale: per avere un’ora in più di luce e passare all’orario estivo, serve spostare le lancette in avanti. Questo nuovo orario sarà in vigore fino a domenica 27 ottobre quando tornerà appunto l’ora solare. Niente paura per la sincronizzazione: smartphone, tablet, computer si aggiorneranno in automatico. Ma perché esiste l’ora legale? Scopriamo perché è nata.

Com’è nata l’ora legale?

Questa è una domanda che chiunque di noi si è fatto nella propria vita: perché esiste l’ora legale? Facciamo un passo indietro nella storia. Il cambio da ora solare a legale è stato creato per risparmiare energia durante la prima e la seconda guerra mondiale. Il motivo sostanziale era la riduzione di consumo di elettricità, adottato in via definitiva in Italia solo nel 1966. L’orario estivo quindi vuole riportarci alla tradizione dei nostri antenanti di svegliarsi all’alba senza orologi, seguendo solo il progressivo sorgere del sole in primavera e il ritardo in autunno. Perchè avviene di notte? Per evitare disagi ai trasporti che effettuano solitamente meno tratte.

I pro e i contro dell’ora legale

La questione dell’ora legale è molto dibattuta, soprattutto in Italia: tanti parlando di revoca per evitare dei problemi legati alla salute. Come James Rowley, presidente dell’American Academy of Sleep Medicine, che pensa che la continua modifica dell’ora porta effetti negativi alle condizioni fisiche di ognuno di noi, tra cui i problemi cardiaci. Anche la Society for Research on Biological Rhythms ha preso una posizione a favore dell’abolizione dei cambi stagionali dell’ora. 

C’è chi invece spera nella permanenza dell’ora legale: sempre in chiave di risparmio energetico, la Società Italiana di Medicina Ambientale (SIMA) che, insieme a “Consumerismo No Profit”, ha avviato una raccolta firme per chiedere al Governo appunto questa nuova disposizione. Pro o contro? Nel frattempo abbiamo dormito un’ora in meno ma il sole tramonterà più tardi e avremo un piede sempre più vicino all’estate.