• Tempo di Lettura:2Minuti

Alea iacta est. Il dado e’ tratto. Zelensky esulta per l’arrivo delle nuove armi, ringrazia Biden per aver mantenuto la promessa. Mariupol distrutta respira ancora grazie alla resistenza dei rifugiati nell’acciaieria che hanno respinto l’invito di Putin e la promessa di avere salva la vita. La tensione sempre più alta, si bombarda con missili in grado di bucare le pareti inespugnabili del bunker. Karkiv dal primo giorno di guerra sotto assedio , Mykail senza acqua, Odessa finora risparmiata , ammonita con due missili uno intercettato dalla contraerea Ucraina, colpita un’abitazione popolare in periferia.

Zelensky re della comunicazione, laureato in propaganda spiega all’Occidente super preoccupato, le mire espansionistiche di Putin , non solo Donbass e Crimea, anche Moldavia e Transmistria. Gli esperti militari fanno notare che le difficoltà russe non sono poche, la risposta degli ucraini rinforzati da armi offensive rallenta l’avanzata. Il rischio del superamento della linea rossa e’ sempre più vicino, l’invio di carro armati di ultima generazione in Polonia potrebbero causare ritorsioni, i tank ucraini pesantemente supportati potrebbero superare quelli russi.

Gli alleati impegnati nelle sanzioni, nell’operazione di embargo del petrolio sembrano dimenticare che la recessione tecnica ipotizzata dal Fondo monetario internazionale, coinvolgerà Gran Bretagna, Francia, Italia e Germania. Shakespeare diceva ” la follia ha colpito l’ Europa ” parole in linea con il pathos del momento. La commissione europea sta pensando ad una patrimoniale di guerra, Draghi, prima del covid, ad una economia rivolta alla riduzione dei consumi. Biden soddisfatto delle sue azioni punitive ignora che anche l’America pagherebbe pegno, le elezioni di novembre con il gradimento ai minimi storici potrebbero tradursi in mancata rielezione. La Nazione sin dagli inizi della guerra si era dichiarata favorevole ad un sostegno, senza però infilarsi mani e piedi in un conflitto oltre Oceano. Chi puo’ pregare lo faccia, Papa Francesco chieda a Dio di illuminare le menti impazzite, c’è bisogno di pace, tutto il resto non conta.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it