• Tempo di Lettura:3Minuti

Anche i Giganti crollano. La guerra, una sconfitta per tutti, se n’e’ accorto Putin anche se non lo ammette. L’operazione speciale naviga in pessime acque. L’informazione russa in mano ai fedelissimi, Soloviev in prima linea, punta l’indice contro l’Occidente asservito all’America che detta linee e sanzioni, critica la propaganda Ucraina che forte degli alleati spara a zero sui numeri dei morti 27000, 50.000 in tutto inclusi i feriti , fuori uso, cifre da brividi da certificare.

Scorrette le indiscrezioni dell’intelligence britannica sulle condizioni di salute disperate di Putin, non confermate dall’establishment russo, che si limita a definire Putin anziano. Gli stati Uniti dicono i giornalisti russi terrorizzano il mondo, ci considerano mostri , hanno scatenato la russofobia, no alla cultura russa, no alla danza, agli atleti esclusi da ogni competizione, all’eccellenza delle menti , private della partecipazione al premio Dante , un vero e proprio virus per ora e chissa’ fino a quando senza vaccino. La Russia deve essere isolata tuona Biden , Mc Donald ha chiuso i battenti , Putin ha parlato di un nuovo brand, come per la Renault passata allo Stato. Salato il costo della guerra stimato ad oggi in 60 miliardi , con spese quotidiane di 850 milioni in armamenti, stipendi dei militari, nuovi arruolamenti di mercenari.

Non si parla di pace ” fanno notare gli esperti militari , e’ cambiata la comunicazione, parola d’ordine. Vittoria dell’Ucraina, guidata con entusiasmo da Stoltenberg. Soddisfatte le mure espansionistiche della Nato pronta ad accogliere a braccia aperte Finlandia e Svezia. Putin smorzata ogni minaccia si è limitato a dire che e’ un errore, nessun problema da parte russa se i confini non saranno violati, tra le righe , per le ritorsioni c’e’ tempo. 82 giorni di guerra, di bombe, di missili su Mykolaiv, Odessa presidiata e attaccata il porto vale oro, fronte caldo sul Donbass , i civili rimasti stanno valutando di lasciare le case per paura del peggio. Il.ministero della difesa russo ha dato il via all’evacuazione dei feriti dell’acciaieria , difficoltà per la nave offerta da Erdogan tutto bloccato, dieci i combattenti del Battaglione Azov che hanno scelto la resa per gli altri decisione sofferta , i russi li considerano criminali , vogliono scoprire chi c’e’ nelle loro file.

Il costo della guerra pesa sull’Europa, Germania fanalino di coda, l’Italia di Draghi definito dai russi atlantista fino all”osso già in economia di guerra, PIL al 2,4 %, 2755 i miliardi di debito. Macigni sull’economia già malandata gli aumenti energetici che stanno condannando a morte le aziende, l’aumento delle materie prime, il turismo ripreso con il ritorno degli stranieri e l’ intenzione dell’ 80% degli italiani di scegliere il bel Paese una boccata di ossigeno per il settore. Maggioranza in fibrillazione per il terzo invio di armi all’ Ucraina giustificato da Guerini sulla base di accordi preesistenti. Una guerra sporca che non assolve l’invasore ma che viola le regole del gioco, quando finirà tutto questo, qualcuno sottolinea che Zelensky e Putin si siederanno per discutere sul conquistato, ma sarà la politica ad avere l’ultima parola, magari concedendo alla Russia due repubbliche a statuto speciale. La guerra il vero ed unico nemico dell’ umanità.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it