• Tempo di Lettura:2Minuti

Il fuoco sotto la cenere. Di pace non si parla, di cessate il fuoco si, peccato non ci siano i presupposti. Gli slogan in questa guerra di propaganda e parole, viaggiano alla velocità della luce, insieme alla pretesa di dettare regole a Putin. Biden deciso a dire no al pagamento del debito pubblico russo in dollari, per scatenare il default nel Paese. Il rublo ha ripreso quota, Eni, Germania , Ungheria, Slovacchia stanno pagando il gas in rubli. Il pugno duro dell’Alleanza atlantica disturba il Cremlino consapevole di avere il mondo per nemico. La Finlandia in America per la richiesta di annessione alla Nato, mentre al confine e’ in atto un’ imponente esercitazione di 2000 uomini, gli ufficiali al comando confermano di essere sempre in attività, la minaccia russa non e’ storia di oggi.

Il Cremlino tace ma ascolta , ha altro cui pensare, “dove non c’e’ danno non c’e’ aggressione, questo il Putin pensiero. Il successo mediatico della resa dei militari del Battaglione Azov primo trofeo di Putin esibito in tutte le televisioni russe. Il destino degli eroi dell’Ucraina, così li ha definiti Zelensky incerto, di sicuro il processo immediato a due presunti criminali di guerra, l’altra faccia della medaglia targata Mosca, Kiev insegna nemico alla sbarra.

Il direttore di Odessa journal precisa che tra i prigionieri ci sono molte new entry, estranee alla guerra del Donbass. Lo scambio di prigionieri rigettato, situazione fluida, tutta da definire. Zelensky costretto a subire il no di Biden alla sua richiesta di missili a lunga gittata: pericolosi ha risposto il Presidente potrebbero sconfinare in territorio russo, la terza guerra mondiale si deve evitare. Rumors, la Cina punta l’indice contro Taiwan non e’ ingerenza degli Stati Uniti, attenzione.

La Corea del Nord pronta a lanciare i missili, la Russia non vuole ma potrebbe ricorrere ad un arsenale importante mai usato. Gli alleati impegnati a indebolire la Russia, ormai considerati soggetti ostili, le espulsioni di diplomatici europei riguardano anche il Portogallo, non debbono dimenticare che il fuoco sotto la cenere puo’ sempre fare danni.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it