• Tempo di Lettura:2Minuti

Toc Toc sono la Pace, posso entrare? 68 i giorni del conflitto segnati da distruzioni, incendi, eccidi, bilancio che pesa sulle coscienze e dimostra come nel vocabolario di guerra la parola vita e’ depennata. C’e’ qualcuno in grado di fermare questa deriva? A conti fatti sembrerebbe di no, i belligeranti continuano a sfidarsi non solo con le armi anche con dichiarazioni esplosive. Boris Jonhson detto l’incendiario, mette in prima fila l’Inghilterra convinta sostenitrice dell’Ucraina.

Si, dice Boris ad altri 300 milioni di dollari in armi offensive, tecnologiche in grado di piegare definitivamente la Russia , una frase che preoccupa gli ambienti militari, in contraddizione con Washington che precisa di non essere in guerra con la Russia. Mosca, disponibile al dialogo a patto che si metta fine all’ invio di armi, Zelensky reso famoso dalla guerra non ha niente da guadagnare con la pace se non il suo epilogo.b Nel marasma si affaccia Papa Francesco intenzionato ad incontrare Putin a Mosca, perplessità in casa Russia il momento non e’ propizio; gli storici ricordano il successo della mediazione di Papa Roncalli con Kennedy durante la guerra nei Caraibi.

Draghi a Strasburgo, sottolinea che non ci puo’ essere equivalenza di giudizio tra invasore e aggredito, l’Italia e’ con l’Ucraina, anche se la crisi causata dalla guerra costerà salata all’Europa. L’embargo del petrolio russo entrerà in vigore a fine anno; il ministro Cingolani fa notare che il rischio di un inverno al freddo e’ probabile. Draghi cerca di convincere se’ stesso per primo quando afferma che si e’ lavorato bene per l’alternativa al gas russo e che i gasdotti rimarranno inutilizzati perché concepiti solo per fornire l’Europa, bravo…Gazprom; fa notizia la sesta morte sospetta del manager precipitato dalla scogliera.

Zelensky dichiara che gli Ucraini non colpiscono obiettivi in territori russi, la colpa e’ degli alleati che combattono all’ombra del conflitto. Mariupol e l’acciaieria, ultimo baluardo della resistenza Ucraina aspettano interventi determinanti per uscire salvi dall’incubo, i militari non si fidano dei metodi dei russi. Vedremo cosa succedera’ l’assalto continua, un’invasione aliena forse riuscirebbe a garantire la pace.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it