• Tempo di Lettura:5Minuti

Lando Norris ha vinto il gp di Miami con grande autorevolezza. Il pilota della McLaren ha saputo gestire al meglio tutte le situazioni e ha conquistato la prima vittoria. In seconda posizione è giunto Max Verstappen con la RedBull e in terza posizione la Ferrari Charles Leclerc davanti a Carlos Sainz (penalizzato nella notte italiana per un’infrazione ai danni di Oscar Piastri scivolato così in quinta posizione dietro a Sergio Perez). La partenza del Gp di Miami è stata lineare con Max Verstappen che ha mantenuto la prima posizione chiudendo bene la porta a Charles Leclerc. Chi ha tentato l’azzardo è stato Sergio Perez, la sua staccata è stata larga e dalla seconda posizione (grazie ad una buona partenza) è scivolato in quinta. Bene è stato invece lo start della McLaren di Oscar Piastri. Il pilota australiano al giro 4 ha superato agevolmente Charles Leclerc per la seconda posizione.

Foto twitter account Formula1

Nel centro della griglia Nico Hulkenberg della Haas si è messo alla caccia di Lewis Hamilton della Mercedes portandosi con sé anche l’altro pilota della casa della Stella George Russell e Yuki Tsunoda della RacingBulls. Dopo un momento di blackout, la Ferrari con Charles Leclerc ha ripreso a macinare ritmo ed è andato a recuperare il gap su Oscar Piastri. In questa fase i piloti delle “seconde squadre” hanno realizzato la sosta passando dalle medie alle hard. A causa di un detrito è stata inserita la virtual safetycar, ma solo per un breve periodo. Al giro 20 hanno fatto la sosta sia Sergio Perez che Charles Leclerc passando anche loro con le hard. Inoltre con la sosta del messicano è stato fermato il crono a 1.9 secondi.

Foto twitter account Formula1

La McLaren di Oscar Piastri si è trovata bene in questi primi giri e la strategia è sembrata ideale. Al giro 29 contatto tra Kevin Magnussen della Haas e Logan Sargent della Williams e i commissari hanno inserito la SafetyCar. Un contatto molto strano questo tra i due piloti con il danese che ha stretto troppo la sua area e ha centrato la gomma del canadese. Dopo un giro Lando Norris è andato ai box per cambiare le medie per inserire le hard ribandendo così in prima posizione. Altra situazione strana è stata quella che ha visto Lando Norris lontano alla vettura di sicurezza e di conseguenza ha rallentato per poi trovare il leader che era a centro gruppo.

Foto twitter account Formula1

La ripartenza è stata elettrizzante con Lando Norris che ha subito preso il largo e Max Verstappen accodato dietro. Carlos Sainz ha ingaggiato un duello con Sergio Perez per la quinta posizione riuscendo poi nell’intento, così come Lewis Hamilton che ha trovato il varco per passare Yuki Tsunoda per la settima posizione. L’inglese dopo essersi sbarazzato del giapponese ha inanellato ottimi giri avvicinandosi a Sergio Perez. Nelle posizioni di testa Lando Norris ha guadagnato terreno su tutti con Charles Leclerc che si è staccato dai tubi di scappamento di Max Verstappen.

Foto twitter account Formula1

Al giro 40 attacco duro di Carlos Sainz ha superato con ferocia Oscar Piastri e poco dopo anche Sergio Perez e Lewis Hamilton lo hanno sopravanzato. Inoltre dai box McLaren hanno richiamato il pilota per cambiare l’alettone anteriore. Durante la sosta hanno anche cambiato le gomme inserendo le medie. Al giro 42 Carlos Sainz parlando coi suoi ingegneri ha ravvisato un problema alla vettura dopo il contatto con Oscar Piastri. Nelle retrovie invece in grave difficoltà le Stake F1 con Zhou Guanyu e Valtteri Bottas rispettivamente in 14esima e 17esima posizione. Bene invece la Alpine con Esteban Ocon in nona posizione e Pierre Gasly in 11esima piazza.

Foto twitter account Formula1

Nelle retrovie Fernando Alonso dopo un bel duello rusticano ha superato al giro 49 Esteban Ocon. Una sfida che ha rallegrato tifosi della squadra francese (anche se ha subito il sorpasso) visto le difficoltà inziale. Crisi invece per la Mercedes di Lewis Hamilton che per tutto il tempo è stata sugli scarichi di Sergio Perez senza avere il guizzo giusto. La Casa della Stella in questa prima parte di stagione sta veramente perdendo punti preziosi sia nei costruttori che nella graduatoria piloti. Bagarre nelle retrovie con Oscar Piastri e Daniel Ricciardo (delusione), lo stesso australiano e Alexander Albon della Williams. Il thailandese in fase di sorpasso ha perso l’aderenza scivolando in ultima posizione.

Foto twitter account Formula1

Gli ultimi due giri della gara di Miami sono stati blandi con le vetture che hanno consolidato le proprie posizioni e dopo 15 podi senza vittoria, il maggior numero di punti senza conquistare una vittoria e dopo 110 Gp con la McLaren Lando Norris ha vinto con il boato dei tifosi! La fine di un incubo per un pilota veramente forte! Inoltre è la prima vittoria per Andrea Stella, team principal della scuderia inglese.