• Tempo di Lettura:3Minuti

Max Verstappen ha vinto la SprintRace del Gp di Miami. Dietro il pilota della RedBull è giunto Charles Leclerc della Ferrari e terzo Sergio Perez con l’altra RedBull. L’olandese è stato perfetto alla partenza andando a chiudere subito la traiettoria al monegasco e subito dopo alla ripartenza non ha avuto problemi di greening. Alle 22.00, ora italiana, le qualifiche per la gara di domani.

La partenza è stata interessante con Charles Leclerc che ha provato ad insidiare Max Verstappen, ma il pilota della RedBull ha resistito bene e ha chiuso davanti al monegasco della Ferrari. Bella è stata anche la partenza di Daniel Ricciardo con la RacingBulls che ha superato l’altra RedBull di Sergio Perez. Nelle retrovie incidente a centro pista che ha coinvolto: Lewis Hamilton della Mercedes, le due Aston Martin Fernando Alonso e di Lance Stroll e infine Lando Norris della McLaren. Ad innescare il tutto dovrebbe esser stato lo spagnolo. Inoltre per poter pulire il tutto i commissari hanno inserito al SafetyCar e a farne le spese sono stati Lance Stroll e Lando Norris.

Foto twitter account Formula1

La ripartenza è avvenuta al giro 4 ed è stato tutto regolare e Sergio Perez si è ripreso la terza posizione ai danni di Daniel Ricciardo. Sugli scarichi dell’australiano si è immediatamente inserito Carlos Sainz, anche se il Ferrarista non ha trovato il guizzo come il messicano. Infatti si è realizzato un trenino con il pilota della RacingBulls, lo spagnolo della Ferrari e Oscar Piastri della McLaren. Poco dietro Kevin Magnussen dell’Haas ha ingaggiato un bel duello con Lewis Hamilton della Mercedes per mantenere l’ottava posizione. Questo duello è stato molto duro col danese che ha resistito con grande caparbietà. Ma alla fine il pilota è stato penalizzato di 10 secondi perchè ha tagliato la chicane. La direzione gara ha anche notato l’eccessiva velocità di Lewis Hamilton in regime di SafetyCar in pit lane.

Foto twitter account Formula1

Alle loro spalle Yuki Tsunoda della RacingBulls, Pierre Gasly dell’Alpine, Longan Sargent della Williams, Zhou Guanyu della Stake F1, George Russell della Mercedes e Alexander Albon della Williams tutti vicini. Al giro 15 il duello per l’ottava posizione è stato rusticano e ad avvantaggiarsi è stato il giapponese che ha superato prima l’inglese e poi il danese. Infine a causa di un’uscita fuori pista (che ha accompagnato Hamilton), Magnussen è stato penalizzato di altri 10 secondi. Dopo queste scaramucce di gara Hamilton ha superato Tsunoda alla curva 11. Vittoria per Max Verstappen davanti a Charles Leclerc e Sergio Perez. Buon quarto posto per Daniel Ricciardo davanti Carlos Sainz.