Emilio Fusco: Campano, giovanissimo mediano di mischia del Valorugby Emilia. Altezza 1.74, 85kg di peso, proviene dai Medicei Firenze con cui ha disputato il campionato nazionale di Eccellenza. Nato nel 1997, vanta già una importante carriera internazionale. Sogna la nazionale maggiore, avendo già giocato in Under 20. La tradizione della famiglia Fusco che continua.

Oggi si è svolta la semifinale di ritorno del massimo campionato italiano Peroni TOP 10, Petrarca 23 Vs Valorugby 24. I diavoli si aggiudicano il match contro la capolista ma non basta per accedere alla finale del 2 giugno, il Petrarca ha vinto il match di andata (16 a 27- 4 a 0), nonostante la sconfitta di oggi, conquista il punto di bonus come l’ Emilia ma è in vantaggio sui diavoli avendo accumulato più punti nel match di andata, si garantisce quindi l’accesso alla finale. Il suo avversario si saprà domani nella seconda semifinale di ritorno tra Rovigo e Calvisano. Il match sarà trasmesso da Rai Sport (canale 58 del digitale terrestre) e Raiplay alle ore 15:40. Emilio entra al secondo tempo, tecnica, cuore, passaggi precisi, ci crede, velocizza il gioco, incita i compagni, prende in mano il match, realizza due mete, è Man of The Match.

Emilio Fusco:” Ho cominciato a 6 anni giocando nel Lazio. Facevo la spola tra Napoli e Roma. A casa mi allenavo con papà Alessandro e insieme si andava a Roma la domenica per disputare le partite. A 15 anni tutte le prospettive sono cambiate nel momento in cui mi hanno accolto all’Accademia dei Tigers a Leicester, uno dei club più prestigiosi in Europa. Ho vissuto tre anni nel Regno Unito, diplomandomi al college e disputando anche alcune partite in prima squadra. Dopo Leicester, comincia l’avventura in terra di Francia. A 18 anni ho firmato il mio primo contratto professionistico con il Massy, squadra francese in cui ho avuto l’onore di conoscere il grande Luciano Orquera. Abbiamo giocato insieme un paio di anni, Lucio è un maestro che mi ha insegnato tanto. Nonno Elio e papà Alessandro sono stati mediani di mischia della nazionale, i miei modelli di riferimento.”

Seguiteci su http://www.persemprenapoli .it