Non si assisteva a una simile crisi all’interno della famiglia reale inglese dai giorni del divorzio dei Principi di Galles. Adesso, però le cose stanno precipitando. Buckingham Palace ha deciso di aprire un’inchiesta formale. Desidera scoprir quanto siano fondate le accuse di bullismo rivolte alla moglie del Principe Harry, la duchessa del Sussex.

È di dominio pubblico che nell’arco di pochissimi mesi, nel 2018, diversi membri dello staff assegnato ai Duchi di Sussex abbia rassegnato le dimissioni. Voci di corridoio hanno sempre dato la responsabilità di queste dimissioni all’atteggiamento arrogante e “viziato” di Meghan. Sembra, infatti, che l’ex attrice di Hollywood abbia reso la vita impossibile ai suoi collaboratori. Molti di essi (tutte donne) hanno persino abbandonato il proprio incarico. 

È stato il Times a tirare di nuovo in ballo la vicenda (a pochi giorni dall’intervista della Duchessa di Sussex a Oprah Winfrey) spiegando che le collaboratrici della stessa, costrette a dimettersi, hanno dichiarato di essere state maltrattate, umiliate e spinte alle lacrime dalla Markle.

Secondo i Duchi è una campagna diffamatoria

Intanto dal sole della California la moglie di Harry si è detta “molto rattristata” per le voci che circolano sul suo conto, proprio ora che sta aspettando il secondo figlio.

Sostiene, infatti, di essere stata vittima, a sua volta, di bullismo nel Regno Unito.  L’ufficio stampa dei Duchi ha catalogato le notizie diffuse dal Times come una mera “campagna di diffamazione”.  Siamo sicuri, però,  che il più bello debba ancora venire, perché l’intervista andrà in onda integralmente il 7 marzo e sarà durissima nei confronti dei membri della casa reale.

Quel che è certo è che a seguito di quanto i Duchi diranno nell’intervista a Ophra Winfrey, i rapporti con il fratello William, la moglie Kate e il resto della “Firm” diventeranno tesissimi.

Non dimentichiamo che ogni intervista rilasciata da un membro della famiglia Windsor ha sempre suscitato terremoti: quella di Diana, quella di Carlo e infine quella del Principe Andrea sulla faccenda Epstein.

Seguici anche su www.persemprecalcio.it