• Tempo di Lettura:1Minuto

Prosegue il conflitto in Medio Oriente dove le azioni dell’esercito israeliano si sono spostate dal Sud al Centro della striscia di Gaza, dalla città di Rafah al campo profughi di Nuseirat. Nella notte, infatti, lo stato ebraico ha sferrato un attacco aereo casa che apparteneva alla famiglia Hassan uccidendo venti civili palestinesi, tra cui il giornalista Abdullah al Najjar. A comunicare il bilancio del raid israeliano è l’ospedale di Al-Aqsa ma, secondo quanto riportato da Rai News, l’esercito israeliano ha fatto sapere che verificherà le informazioni.

Intanto sono ore calde per il Premier israeliano Benjamin  Netanyahu dal momento che due suoi ministri, Yov Gallant e Benny Gantz, hanno dato l’ultimatum minacciando di lasciare l’esecutivo qualora entro l’8 giugno non verrà formalizzato un piano d’azione generale su Gaza in direzione Usa-Ue-araba. Intanto nella giornata di ieri il popolo israeliano è sceso in piazza per manifestare contro le scelte del governo.