• Tempo di Lettura:1Minuto

Le sanzioni occidentali contro la Russia colpiscono le economie di quei paesi che le impongono e provocano anche una crisi globale, ha affermato oggi il presidente russo Vladimir Putin in un incontro sulle questioni economiche.

Come riporta la Tass: “Queste sanzioni stanno in gran parte provocando una crisi globale. I loro autori, guidati da ambizioni politiche miopi e gonfiate, la russofobia, hanno colpito in misura maggiore i loro stessi interessi nazionali, le loro stesse economie, il benessere dei loro cittadini”, ha affermato Putin.

In primo luogo, ha sottolineato il capo dello Stato russo, lo si vede dal forte aumento dell’inflazione in Europa: in alcuni paesi si è già avvicinata al 20% annuo, e nell’intera zona euro i prezzi delle materie prime sono aumentato di oltre l’11%.

Putin ha richiamato l’attenzione sul fatto che negli ultimi due mesi le autorità russe hanno tenuto una serie di incontri sulla situazione economica. “Insieme ai membri del governo, ai capi dei soggetti della Federazione, ai vertici della Banca Centrale, ai rappresentanti delle imprese, stiamo attuando un piano coerente per garantire lo sviluppo sostenibile dell’economia”, ha affermato il presidente.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it