Pechino, Cina – Un team di esperti commissionato dalla World Health Organization (WHO o OMS in italiano), sarà in Cina da giovedì per comprendere le origini del Covid-19. Il ministero della Salute cinese ha approvato l’arrivo della commissione di esperti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità per capire di più sul virus, lo conferma Tedros Ghebreyesus, direttore generale WHO.

Ti consigliamo questo – L’influenza aviaria sta mettendo in ginocchio l’India

2 settimane di quarantena prima di avviare gli studi sul Covid-19

La commissione, in una recente nota ha informato che 10 esperti “condurranno ricerche congiunte in cooperazione sulle origini del Covid-19 insieme agli scienziati cinesi”.

Gli scienziati dovevano arrivare in terra cinese già settimana scorsa, ma l’OMS annunciò che la Cina aveva bloccato la loro venuta. In risposta, Pechino ha chiarito che si stava lavorando ai preparativi per avviare una collaborazione efficace e normalizzare i visti. Al loro arrivo gli esperti dovranno affrontare 2 settimane di quarantena previste dalle leggi locali prima di iniziare le ricerche.

Dalla sua Zeng Yixin, il numero due della Commissione sanitaria nazionale cinese, ha ribadito la “piena disponibilità a ospitare il team di esperti”.

Ti consigliamo questo – Tik Tok e 5G: la sfida della Cina agli Usa

Ricerche “politicamente sensibili”

In particolar modo queste lunghe analisi procederanno a Wuhan, la città metropolitana dove si presentarono i primi casi di coronavirus. A quanto pare questa ricerca sarà politicamente sensibile poiché la Cina teme di essere considerata colpevole della pandemia mondiale.

Per mesi le autorità cinesi hanno nutrito dubbi sulla provenienza del virus credendo possibile che questo possa non essere nato nel loro paese. Rapporti indicano che ci sarebbe una remota possibilità di una infezione proveniente da un altro stato; additando la causa a prodotti surgelati provenienti dall’estero con tracce dello stesso virus.

I ricercatori esteri, d’altro canto, sospettano che la vera origine del Covid-19 sarebbero i pipistrelli del sud della Cina portatori della malattia.

FONTE: DPA International, ANSA

Ti consigliamo questo – Dad, Azzolina: “Non funziona più”

Segui anche PerSempreCalcio.it