Giacarta, Indonesia – Il governo indonesiano ha confermato che l’aereo partito da Giacarta, un boeing 737 della Sriwijaya Air, è precipitato dopo pochi minuti dal decollo. Il volo ospitava 62 persone di cui 56 passeggeri. Questo è quanto si apprende da un ultim’ora di Associated Press.

Ti consigliamo questo ­- Un altro morto dopo Capitol Hill, Donald Trump pensa di autograziarsi

Cosa è accaduto

Alle 14 circa, ora locale in Indonesia, un aereo della suddetta compagnia è sparito dai radar per poi precipitare in mare aperto dopo 4 minuti. Tra i 62 passeggeri c’erano 3 neonati e 7 bambini. Il volo, con codice Sriwijaya Air SJ182, sorvolava la rotta Jakarta-Pontianak.

Un pescatore del posto ha dichiarato di aver ritrovato dei resti in mare dopo aver visto lo schianto in picchiata dell’apparecchio.

Un documento rilasciato dalla compagnia aerea afferma che la durata del volo avrebbe dovuto essere di circa 90 minuti. La destinazione era la capitale di West Kalimantan, in provincia dell’isola indonesiana del Borneo.

Ti consigliamo questo ­- Coronavirus, De Luca: “Restrizioni? Siamo per unica zona arancione”

Le ricerche in mare

Ardita Irawati, il ministro dei trasporti del paese, ha affermato che sono in atto proprio in queste ore le ricerche dell’aereo. Queste si svolgeranno sott’acqua con la coordinazione del Servizio Nazionale di Ricerca e Soccorso e il Comitato Nazionale sulla Sicurezza dei Trasporti.

Ti consigliamo questo ­- Assalto a Capitol Hill: le reazioni dei giocatori Nba

I precedenti

L’Indonesia è la più grande nazione arcipelago del mondo, con circa 260 milioni di abitanti. Da tempo è afflitta da questo tipo di tragedie, problematiche dovute al sovraffollamento dei mezzi, in molti casi. Tanti gli incidenti aerei e ferroviari. Il tutto contornato da non una eccellente manutenzione degli stessi veicoli; un problema condannato da sempre e che mette in evidenza antiquati standard di sicurezza.

Nel settembre del 2018 un aereo della compagnia Lion Air precipitò nel mare di Giava uccidendo 189 persone. Fu il peggior disastro aereo del paese dal 1997, quando 234 persone morirono in un altro incidente al largo dell’isola di Sumatra. Altre 162 persone persero la vita su un volo AirAsia che percorreva la tratta Surabaya-Singapore, precipitando in mare.

La protagonista dell’incresciosa sciagura di oggi è una delle maggiori compagnie low cost dell’Indonesia, effettua molti voli verso dozzine di destinazioni internazionali.

Ti consigliamo questo ­– “La parola è donna”: intervista alla fotografa Gilda Valenza

Segui anche PerSempreCalcio.it