• Tempo di Lettura:4Minuti

Uno dei ricordi più piacevoli della mia infanzia è stata la scoperta di Dragon Ball. Anime che vedevo sin da bambino e che mi ha accompagnato per gran parte dell’adolescenza. Apprendere oggi la scomparsa di Akira Toriyama è stato come un fulmine a ciel sereno che illumina la notte.

Il mangaka ha creato uno degli battle shonen più incredibili di sempre, che ha fatto da apripista per molti dei manga recenti arrivati dopo Dragon Ball. Proprio il sito ufficiale dedicato a Goku e compagni, ha rilasciato una dichiarazione sulla scomparsa del suo creatore:

“È con il cuore più pesante che annunciamo che Akira Toriyama, il creatore di Dragon Ball, Dragon Ball Z, Dragon Ball Super, Sand Land e altri, è morto all’età di 68 anni. L’influenza di Toriyama sul medium anime non può essere sopravvalutata, poiché i suoi mondi hanno contribuito a forgiare molte storie sia per quanto riguarda gli Z-Fighters che il mondo degli anime in generale”.

L’annuncio della morte di Akira Toriyama ed il saluto ai fan

Akira Toriyama è nato a Nagoya, Aichi, Giappone nel 1955. Ha presentato per la prima volta al mondo Dragon Ball nel 1984. L’avventura di Goku e dei suoi amici è diventata una delle più grandi storie di anime di tutti i tempi. Toriyama ha continuato a lavorare sul franchise fino ad oggi, occupandosi del manga e del recente film Dragon Ball Super: Super Hero. La lettera relativa alla scomparsa di Akira Toriyama è stata condivisa sul sito ufficiale di Dragon Ball e recita come segue:

“Cari amici e partner,

Siamo profondamente rattristati nell’informarvi che il creatore del manga Akira Toriyama è deceduto il 1° marzo a causa di un ematoma subdurale acuto. Aveva 68 anni.

È nostro profondo rammarico che avesse ancora diverse opere in fase di creazione con grande entusiasmo. Inoltre, avrebbe avuto ancora molte cose da realizzare. Tuttavia, ha lasciato a questo mondo molti titoli manga e opere d’arte. Grazie al sostegno di tante persone in tutto il mondo, ha potuto continuare le sue attività creative per oltre 45 anni. Ci auguriamo che il mondo unico della creazione di Akira Toriyama continui a essere amato da tutti per molto tempo ancora. Vi informiamo di questa triste notizia, con gratitudine per la vostra gentilezza durante la sua vita.

Il servizio funebre si è svolto con la sua famiglia e pochissimi parenti. Seguendo il suo desiderio di tranquillità, vi informiamo rispettosamente che non accetteremo fiori, doni di condoglianze, visite, offerte e altro. Inoltre, vi chiediamo di astenervi dal condurre interviste con la sua famiglia.

I piani futuri per un raduno commemorativo non sono ancora stati decisi, vi faremo sapere quando saranno confermati. Vi ringraziamo profondamente per la vostra comprensione e il vostro sostegno come sempre”.

L’impatto pop-culturale di Toriyama e di Dragon Ball

Se gli “Battle Shonen” hanno avuto questo grande successo negli anni, molto lo devono proprio a Toriyama ed al suo Dragon Ball. L’idea dell’eroe che, grazie ad un duro allenamento, diventa man mano più potente, è stata lanciata proprio da questo anime.

Infatti, proprio Dragon Ball, può tranquillamente essere definito il padre di diversi prodotti succeduti dopo l’avvento delle “7 Sfere del Drago”. Proprio mangaka come Eiichiro OdaMasashi Kishimoto e Tite Kubo. Ovvero i creatori di One Piece (oggi il manga più venduto della storia), Naruto e Bleach hanno sempre dichiarato il loro enorme debito di riconoscenza e influenza nei confronti di Akira Toriyama e di Dragon Ball. 

Chi da bambino, cresciuto negli anni 80 e 90, non ha mimato un’onda energetica o chiamato a raccolta le energie del pianeta Terra per sferrare un’energia sferica? L’impatto che ha avuto Dragon Ball sull’occidente è stato enorme, paragonabile soltanto a quello di Ken – Il Guerriero e le sue tecniche della scuola di Hokuto.

Akira toriyama

Ovviamente il mangaka non ha solo creato Dragon Ball, ma un altro successo è stato quello di Dr. Slump (e Arale). Proprio grazie a quest’ultimo ha vinto il Premio Shōgakukan per il miglior manga shōnen nel 1981. L’opera creata da Toriyama, con Dragon Ball, ha superato anche i confini del Giappone entrando prepotentemente nel mercato europeo. Un’opera indescrivibile, che lascerà per sempre il segno su chi l’ha vissuta ed amata, trasmettendo di generazione in generazione, quello che è stato per chi è cresciuto insieme ad essa.

Mi piace immeginare il buon Akira, dall’altra parte, insieme a Re Kaio e gli altri, mentre osserva il mondo e la reazione che la sua scomparsa ha portato nei fan che hanno amato la sua opera, che non verrà mai dimenticata.

Segui Per Sempre News anche sui social!