Arrestato un colonnello della Guardia di Finanza di Vercelli con l’accusa di peculato militare, abuso d’ufficio, falso e truffa ai danni dello Stato

Ti consigliamo questo – Lamorgese (Min. Interno): “Faremo di tutto per riaprire le attività ma non tollereremo violenze”

I fatti

Vercelli, ItaliaFabrizio Nicoletti, comandante provinciale della Guardia di Finanza di Vercelli, è agli arresti domiciliari dopo le accuse di frode ai danni dello Stato Italiano, falso e peculato militare. La misura sarebbe scattata stamane dopo le indagini del nucleo della Polizia economico finanziaria delle Fiamme Gialle di Torino. A coordinare, la Procura di Vercelli.

Stessa misura anche per l’autiere dell’uomo, il brigadiere Maurizio La Sala. I due sono accusati di aver dichiarato il falso e firmato orari e servizi che non hanno mai rispettato, beneficiando così di pagamenti di somme che non sarebbero spettate loro. Secondo la Procura i due avrebbero dichiarato di aver prestato servizi mai effettivamente resi.

Oltre a queste accuse, il comandante Nicoletti sarebbe accusato di aver usufruito della vettura di servizio per scopi personali. Così come l’indebito affidamento all’autiere La Sala di compiti che non rientravano nelle mansioni di servizio. I due avrebbero così indotto in errore il Mef (Ministero dell’Economia e delle Finanze) che avrebbe erogato contributi che non sarebbero altrimenti spettate ai due.

Oltre a Nicoletti, 58enne al servizio delle Fiamme Gialle di Vercelli dall’agosto 2019. Sarebbero iscritti nel registro degli indagati altri tre militari, tutti destinatari di avvisi di garanzia.

Stamane sono state effettuate tutte le dovute perquisizioni negli uffici del comando in questione, finalizzate all’acquisizione di relativa documentazione.

FONTE: RaiNews

Ti consigliamo questo – RYANAIR LANCIA L’OPERATIVO ESTIVO DA GENOVA

Segui anche PerSempreCalcio.it