• Tempo di Lettura:2Minuti

La Polizia Postale ha recentemente diramato l’allerta ‘Huggy Wuggy’, rivolgendosi direttamente alle famiglie italiane.

L’avvertimento consiste nel mettere in guardia i genitori, invitandoli a non consentire ai propri figli di guardare sugli schermi dei loro tablet o cellulari il pupazzo Huggy Wuggy. Si tratta del personaggio protagonista di un videogioco horror, Poppy Playtime (vietato ai minori di 13 anni), dal corpo blu ed un inquietante sorriso da cui emergono lunghi denti affilati.

Il pupazzo è ormai famoso sui social, soprattutto nei contenuti visualizzati dai bambini sulla piattaforma video YouTube, dove spopola una sua canzoncina dal testo terrificante. Il personaggio è anche protagonista di tanti meme e applicazioni, diventando una presenza virale sulle piattaforme multimediali di tutto il mondo.

In Italia, gli psicologi dell’Unità analisi del crimine informatico della Polizia Postale hanno condotto uno studio approfondito in merito. Secondo gli esperti, Huggy Wuggy non è adatto a bimbi così piccoli. “Studiando i video e le attività in rete abbiamo ritenuto opportuno dare un alert prudenziale per sensibilizzare le famiglie rispetto a quello che è un contenuto pericoloso per i minori di 13 anni”.

Queste le parole del direttore della Postale, Ivano Gabrielli, che tuttavia sottolinea: “Non ci sono esigenze di prevenzione di tipo criminale. Resta invece fondamentale sensibilizzare i genitori sui contenuti che in generale i loro figli guardano in rete. Bisogna navigare con loro, educarli ad una navigazione consapevole e fornirgli gli strumenti giusti per orientarsi e capire quel mondo”.

L’allerta non è stata diffusa solo in Italia. Anche in Gran Bretagna Huggy Wuggy conosce una certa popolarità fra gli youtuber apprezzati dai bambini. Qui alcuni dipartimenti di polizia hanno lanciato un alert analogo a quello della Polizia Postale.