• Tempo di Lettura:3Minuti

Jules Verne, venti Milà leghe sotto i mari, il capitano Nemo, E. t, lo spazio, le navicelle, gli uomini verdi, passando per la mela di Newton fino a Margherita Hack e le sue galassie.
Cit. Giovanni Chiaravalle.

Ho avuto l’ onore di conoscere Giovanni Covone, autore di ” Altre Terre”, grazie alla dirigente scolastica del secondo circolo didattico di Somma Vesuviana, la Professoressa Silva Svanera dell’ istituto Don Minzoni.
È stato un incontro scuola- famiglia, bambini di 9 e 10 anni.
Organizzanto tutto alla perfezione, dove bambini e adulti hanno potuto imparare oltre la loro conoscenza nuovi termini scientifici.
Giovanni Covone ha dato risposte alle tante domande, parlando con parole semplici e profonde coinvolgendo tutti con tanta curiosità.
Pianeti, satelliti, asteroidi, insomma, un universo tutto da scoprire.

“Altre Terre” è un resoconto avvincente dei personaggi e delle idee che hanno contribuito alla scoperta di migliaia di pianeti exstrasolari. È un diario di bordo, un testo divulgativo ma è anche una sorta di vedemecum per i giovani che si vogliono cimentare nella ricerca scientifica.

Qual è il futuro dell’ uomo nell’ universo?
Siamo soli nel cosmo? esistono altre terre che l’ umanità può colonizzare?

Queste sono solo alcune delle domande a cui Giovanni Covone, professore di astrofisica, cerca di dare risposta puntando lo sguardo in alto, verso il cielo e le stelle. Perché la storia della ricerca astronomica è antica quanto l’uomo stesso, dai primi, rudimentali eppure brillanti tentativi di studiare le stelle a occhio nudo, fino alle ultime missioni spaziali, svolte con l’ausilio di enormi, modernissimi telescopi.

Covone stesso è parte di questa millenaria corsa agli astri: nel gennaio del 2019, insieme a un’equipe della NASA, ha contribuito all’individuazione di TOI-700d, una possibile “nuova casa” per l’uomo. Un ipotetico gemello della Terra, seppure a distanza siderale. Ma una simile scoperta, insospettabilmente, ci insegna quanto il nostro pianeta sia unico: l’universo, nella sua vastità, concede panorami strabilianti – stelle che brillano a un’intensità più di cento volte superiore a quella del Sole, pianeti con oceani di lava, piogge di roccia fusa o ricoperti da spesse calotte ghiacciate – e gli strani mondi che troveremo, un giorno, saranno diversi da ciò che vediamo, persino da ciò che immaginiamo abitualmente.

Altre Terre, passando in rassegna scoperte astronomiche del passato e attualissime, ponendo nuove domande su ciò che esiste fuori dai confini della nostra conoscenza, è un libro che parla di noi, del rapporto tra la specie umana e il cosmo, e dell’incredibile spettacolo della natura.