Il caro bollette luce e gas sui gestori degli impianti sportivi e natatori ha generato un forte impatto economico che grava proprio su coloro che offrono questo tipo di servizi a milioni di cittadini. Preoccupato dalle conseguenze che il vertiginoso rincaro sull’energia potrebbe avere sul mondo dello sport, il Comune di Napoli, con l’assessore Emanuela Ferrante, ha sottoscritto la nota degli assessori allo sport delle città di Roma, Milano, Torino, Napoli, Bologna, Firenze, Bari e Palermo. Coordinati da Mauro Barruto, referente sport del Pd, gli assessori hanno scritto al Presidente del Consiglio Mario Draghi, alla Sottosegretaria allo Sport Valentina Vezzali e ai Presidenti di Camera e Senato. La nota contiene alcune richieste, volte a fronteggiare l’insostenibile rincaro, aggravato ulteriormente dai due durissimi anni di pandemia.

In primo luogo, si richiede un contributo straordinario di 2 miliardi di euro, da destinarsi all’operazione ‘helicopter money’, permettendo ai gestori degli impianti di sostenere l’impatto economico. In aggiunta, l’estensione del bonus 110% con il miglioramento delle classi energetiche degli impianti, che avrà un effetto significativo anche sull’ambiente, trattandosi di impianti particolarmente energivori, attualmente lontani da parametri accettabili. Infine, gli assessori chiedono un prolungamento delle concessioni per i gestori degli impianti, nei casi in cui si impegnino in interventi di riqualificazione e implementazione dell’impianto.

Seguiteci su www.persemprecalcio.it