• Tempo di Lettura:3Minuti

Tornano dopo due anni di assenza i Campionati Nazionali Universitari. Alla città ed al CUS di Cassino la responsabilità di dare il segnale definitivo di ripartenza del movimento sportivo universitario nazionale.

Tradizionale evento di punta della stagione sportiva degli studenti atleti italiani, quest’anno gli “Universitari” assumono un valore ancor più rilevante: oltre ad essere i Campionati della ripartenza, infatti, con lo slittamento delle Universiadi di Chengdu al 2023, divengono di fatto la competizione multisport più importante della stagione per il Centro Universitario Sportivo Italiano.

Con il bilancio positivo dei CNU invernali dello scorso marzo in Val di Zoldo, auspichiamo il medesimo esito per l’edizione primaverile dei Campionati” – dichiara il presidente del CUSI, Antonio Dima – “Auguro a tutti gli studenti atleti di vivere al meglio questi giorni, gareggiando con impegno e divertendosi con i loro colleghi di tutta Italia“.

Medaglie inclusive

Con le prime gare in programma sabato 14, il calendario è ricco di eventi fino a domenica 22 maggio.

Nei nove giorni di competizione si assegnerà il titolo di Campione Nazionale Universitario in dodici discipline: atletica leggera, calcio, calcio a cinque, judo, karate, pallacanestro, pallavolo maschile e femminile, rugby a sette, scherma, taekwondo e tennis, a cui si aggiunge il criterium di lotta greco romana, stile libero e lotta femminile.

Sarà una festa per tutto il territorio” – a parlare è il Magnifico Rettore dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale, Marco Dell’Isola – “A tutte le studentesse e a tutti gli studenti che animeranno le gare va il nostro in bocca al lupo. Non mancherà un importante momento di inclusione sportiva realizzato in collaborazione con la Federazione Italiana Sport Paralimpici per Ipovedenti e Ciechi. Perchè tutti abbiamo confini, non limiti!“.

Con oltre duecento medaglie in palio, saranno nel complesso circa duemila gli studenti atleti di tutta Italia che raggiungeranno Cassino, per un totale di quasi tremila persone coinvolte sommando gli staff tecnici, medici, dirigenziali e dei comitati organizzatori.

Quest’anno oltre alle gare obbligatorie previste dal programma dei CNU, abbiamo voluto introdurre, per la prima volta, alcune competizioni aperte alle persone con disabilità” – ha commentato il Presidente del Comitato Promotore CNU Cassino 2022 Giovanni Betta – “Questo per ribadire che per l’Unicas il tema dell’inclusione ha sicuramente un’importante rilevanza“.

Sport e territorio a braccetto

La cerimonia d’apertura dei 75esimi Campionati Nazionali Universitari avrà un prologo alle 17.30 di sabato 14 maggio con la partenza della Fiaccola Benedettina “Pro Pace et Europa Una” dall’Abbazia di Montecassino e l’arrivo previsto presso il Museo Archeologico Nazionale “G. Carrettoni” (Anfiteatro Romano “Casinum”). A seguire dalle 18.30 partirà la sfilata delle delegazioni che darà il via all’inaugurazione dei CNU presso piazza Labriola a Cassino. Il giuramento dell’atleta e del giudice e di saluti delle autorità si terranno presso il Teatro Manzoni in piazza Gregorio Diamare.

Sarano centinaia i volontari coinvolti che saranno il motore dell’evento” – chiosa Carmine Calce, presidente CUS Cassino – “Sono contento di avere tutta l’amministrazione comunale e molti enti del territorio al nostro fianco che ci hanno supportato per l’organizzazione di questo importante appuntamento“.

Le gare saranno trasmesse in diretta streaming a cura dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale sul proprio canale di Ateneo all’indirizzo https://www.unicas.it/live.